Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Camera, Ufficio bilancio costa 6 milioni l'anno: 250mila euro a testa, "è un mestiere difficile"

Polizia Penitenziaria - Camera, Ufficio bilancio costa 6 milioni l'anno: 250mila euro a testa,


Notizia del 05/09/2014 - ROMA
Letto (1179 volte)
 Stampa questo articolo


Una sigla Upb, una sede in via del Seminario nel Palazzo di San Macuto. Un ufficio che costa 6 milioni di euro. Benvenuti nel mondo dell’Ufficio parlamentare del bilancio. La nuova authority sui conti pubblici è ferma al palo. Il primo compito si concretizzerà soltanto ad ottobre quando sul tavolo dell’ufficio arriverà la nota di aggiornamento del Def che conterrà le nuove stime sugli indicatori macroeconomici del Paese (Pil, debito, deficit). Prima di quel giorno, invece, l’ufficio di presidenza composto da tre membri affiancati già da uno staff resterà a braccia conserte. Del resto, ironizza un economista del giro renziano con ilfattoquotidiano.it, “se fosse già stata operativo ce ne saremmo accorti e sarebbe già intervenuto nel dibattito. Ad esempio, quando è stato promosso il decreto sugli 80 euro. Invece nessuno li ha mai menzionati”. 

La vicenda dell’organismo di controllo parte da lontano. Tutto inizia circa due anni fa, quando ai tempi del governo presieduto da Mario Monti fu approvata la legge di riforma costituzionale n.1 del 20 aprile del 2012 che recepiva la normativa europea in materia di finanza pubblica (cioè il fiscal compact), obbligando il Paese al pareggio strutturale di bilancio (che ora la sinistra del Pd vuole abolire). Quella legge, però, prevedeva anche di dotare Senato e Camera di un organismo snello e indipendente che fungesse da controllore dei conti pubblici e che valutasse l’impatto macroeconomico dei provvedimenti ed anche attivasse presso la commissione europea il meccanismo correttivo nel caso in cui ci siano scostamenti rispetto agli obiettivi. Il modello preso come riferimento è quello delle istituzioni già attive in numerosi altri Paesi occidentali. Ad esempio in Olanda c’è il Central Planning Bureau, in Belgio l’High Council of Finance e negli Stati Uniti ilCongressional Budget Office. Con l’obiettivo anche qui è anche quello di promuovere una maggiore trasparenza del bilancio ai fini della sostenibilità della finanza pubblica. 

L’Italia arriva per ultima alla meta: sfora addirittura i tempi massimi. E ancora oggi l’operatività dell’authority è quasi al minimo. Del resto l’organismo dovrebbe essere già stato operativo dal primo gennaio. Ma il bando per la selezione del gruppo dirigente fu pubblicato soltanto il 23 dicembre. Un bando in cui si stabiliva che a farne parte fossero tre superesperti di finanza pubblica, i cui compensi fossero parametrati per il presidente su quello del presidente dell’Agcom, cioè 240mila lordi, come recentemente predisposto dalla normativa sul tetto dei manager e per gli altri due pari l’80% di quell’importo. Tutti scelti dai presidenti di Camera e Senato fra 10 nomi. Qui, però, il meccanismo si inceppa. Perché i dieci devono essere designati da una maggioranza qualificata dei due terzi delle commissioni bilanci dei due rami del Parlamento. Non in seduta comune in modo da velocizzare il processo.

Ma in seduta separata, fornendo un assist all’ostruzionismo dei partiti e dei franchi tiratori. Che di fatto impiegano quattro mesi per trovare la sintesi sui dieci nomi da portare al tavolo di Laura Boldrini e Pietro Grasso. I quali poi, per usare le parole dell’ex sottosegretario all’economia del governo Monti, Gianfranco Polillo ”privilegiano le discendenze partitiche”. Nominando per i tre ruoli apicali della nuova struttura Giuseppe Pisauro (presidente) (nella FOTO ndr), Chiara Goretti (consigliere) e Alberto Zanardi (consigliere). Tre nomi di stretta osservanza democratica: essendo il primo vicino all’ex segretario Pier Luigi Bersani e all’ex ministro Vincenzo Visco, il secondo collaboratore di lungo corso di mr spending review Carlo Cottarelli, mentre Zanardi viene definito un’economista che gravita in orbita “renziana”.

Dal giorno della nomina dell’ufficio di presidenza del maggio scorso l’Upb non si è certo distinto per l’incessante attività. Anzi. Nel sito provvisorio – “è in costruzione il sito istituzionale definitivo www.upbilancio.it” – si annoverano soltanto una serie di nomine tra cui quella del direttore generaleDaniele Cabras, dirigente della Camera, già collaboratore di Saccomanni e Bindi, figlio dell’ex parlamentare Dc Paolo Cabras, cui spetterà un trattamento economico “pari a quello spettante al componente del Consiglio direttivo, ridotto del 3%”. L’approvazione dei regolamenti di funzionamento, di amministrazione e contabilità. E poco altro. Eppure dai vertici dell’Upb la replica è netta. Spiega ailfattoquotidiano.it uno dei componenti del Consiglio, l’economista Alberto Zanardi: “Noi come consiglio siamo operativi dal mese di maggio perché siamo stati nominati in data 30 aprile. In questa fase ci siamo occupati dello staff – che per i primi tre anni prevede 30 unità – e di mettere in moto la macchina. Lo staff percepirà in base al ruolo uno stipendio variabile fra i 53mila e i 169,7mila euro lordi annui. Abbiamo anche incontrato il ministro Padoan stipulando, come si legge nel sito, unprotocollo di intesa con il ministero dell’Economia e delle finanze, relativo alla trasmissione delle informazione necessarie ai fini della certificazione delle previsione macroeconomiche e della valutazione sulla finanza pubblica”.

In primo piano, però, resta una spesa di 6 milioni di euro l’anno soprattutto in una fase in un cui a dare la linea dovrebbe essere la spending review. Un numero che non scandalizza il consigliere Zanardi perché “noi facciamo un mestiere oggettivamente non facilissimo. Del resto si tratta di selezionare personale altamente qualificato. Ad oggi il budget è sempre lo stesso. Ma noi, avendo iniziato l’attività a metà anno, risparmieremo tenendoci al di sotto di quella cifra”.

Twitter: @GiuseppeFalci

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

2 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

3 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

10 Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Dopo dieci anni di blocco contrattuale, un rinnovo da sfigati ... un misero caffè al giorno

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione