Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Camorra nel carcere di Poggioreale: così entravano in cella cellulari e droga

Notizia del 18/03/2012 - NAPOLI

Camorra nel carcere di Poggioreale: così entravano in cella cellulari e droga

letto 4849 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Tra gli arrestati dai carabinieri nel blitz contro il clan dei casalesi figura Angelo Ammaturo, agente della Polizia Penitenziaria che, quando era in servizio nel padiglione Genova del carcere di Poggioreale, secondo l’accusa, consegnò al boss liternese della fazione Bidognetti Massimo Iovine tre telefoni cellulari per i contatti personali e criminali. Si evince dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Raffaele Piccirillo su richiesta del pm Catello Maresca.

Per ciascun apparecchio, Ammaturo ricevette 500 euro tramite l’intermediario Francesco Vitale, distributore di caffè nell’area di Villa Literno per conto dello stesso Iovine. Vitale riceveva le disposizioni di pagamento attraverso «pizzini» che Iovine consegnava ai propri familiari durante i colloqui. È stato lo stesso Massimo Iovine, oggi collaboratore di giustizia, a spiegare dove nascondeva i telefonini: «Occultavo il telefonino nella plafoniera della luce del bagno della cella 110.

Con questo cellulare contattavo solitamente la mia fidanzata Wanda e qualche volta Vincenzo Catena (un altro affiliato, ndr)». Continua il collaboratore di giustizia: «Angelo inoltre mi portava del vino, del pesce e degli orologi, compreso quello che indosso oggi, oggetti ricevuti sempre in cambio di denaro. Ricordo che in una sola occasione, nell’inverno 2006/2007 , Angelo mi ha anche consegnato 250 grammi di hascisc che avevo chiesto sempre a Franco (Francesco Vitale, ndr) tramite dei bigliettini recapitati ai miei genitori. In verità io avevo chiesto una o due stecchette di hascisc. Ricordo che dividemmo il suddetto quantitativo di hascisc tra tutti i detenuti del padiglione.

L’altro agente penitenziario arrestato è Daniele Abis, nativo di Sassari, che secondo l’accusa, nel carcere di Carinola (Ce), fornì a Massimo Iovine e a Pasquale Annicelli hascisc, cocaina, profumi e orologi. »All’acquisto dello stupefacente – ha spiegato Iovine – provvedeva la sorella di Annicelli che lui chiamava Nanà e poi questa contattava telefonicamente il sardo e glielo consegnava di persona. Il sardo, una volta in possesso della droga, la consegnava ad Annicelli.

Per ogni consegna la guardia riceveva due-trecento euro«. Nello stesso modo, nel carcere di Carinola venivano introdotti profumi, cinture e orologi, ma anche un rasoio elettrico e CD pirata.

www.online-news.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)