Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carabiniere accoltellato in servizio chiede i danni allo Stato. «Inadeguato l'equipaggiamento»

Polizia Penitenziaria - Carabiniere accoltellato in servizio chiede i danni allo Stato. «Inadeguato l'equipaggiamento»


Notizia del 16/06/2015 - PADOVA
Letto (1278 volte)
 Stampa questo articolo


Padova, 15 giu - I fatti risalgono alla notte tra giovedì e venerdì del 5 febbraio scorso, quando l'Appuntato scelto Alessandro Casu, l'Appuntato Davide Caporale e l'Appuntato Domenico Sallustio, perlustrando in borghese le strade intorno alla Stanga - una piazza di Padova adibita allo spaccio di sostante stupefacenti -, giunti in via Tonzig, vennero avvicinati da uno spacciatore di nazionalità libica, che si offrì di vendere loro dello stupefacente.

Non appena i tre militari si qualificarono e cercarono di arrestarlo, nacque una colluttazione nel corso della quale il libico, armato di coltello, ferì al polso e alla schiena l’Appuntato Casu ed alla coscia destra l'Appuntato Caporale. La colluttazione durò pochi minuti, durante i quali lo spacciatore colpì ripetutamente i carabinieri, anche con calci e pugni.

Lo spacciatore alla fine venne arrestato con le accuse di spaccio di stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. Fece poi clamore la notizia che il giudice, non ravvisando il tentato omicidio, il giorno dopo, lo rilasciasse infliggendogli la misura del divieto di dimora, subito ignorata dal libico che, già il giorno seguente, fu trovato nei pressi di un casolare abbandonato di Padova.

Mercoledì prossimo, il 17 giugno, si terrà l'udienza preliminare davanti al GIP di Padova, nel corso della quale, tra l'altro, gli Appuntati Alessandro Casu e Davide Caporale,rappresentati e difesi dall'avvocato Giorgio Carta – legale di numerosi appartenenti alle Forze dell’ordine - si costituiranno parti civili. Entrambi i militari chiederanno il risarcimento dei danni (patrimoniali, non patrimoniali e morali) all’imputato. Nella stessa sede, l'Appuntato Scelto Alessandro Casu chiederà la citazione in giudizio anche del Ministero della Difesa "per effetto della mancata dotazione … degli adeguati strumenti e dispositivi di sicurezza".

Il legale del militare, in particolare, rileverà che gli operatori di polizia italiani non vengono dotati delle c.d. armi "non letali", quali spray urticanti o teaser (immobilizzatori), già da tempo in uso da parte dei Corpi di Polizia di numerosi Paesi stranieri.

Tali dispositivi, secondo il legale, impedendo un contatto diretto tra operatori di polizia e terzi, sarebbero idonei a limitare i pericoli per l’incolumità sia degli operanti che dei fermati, rendendo più agevoli e meno rischiose le operazioni di arresto. Le forze di polizia italiane, invece, in particolar modo i reparti operanti "in borghese", sono per lo più dotati della sola pistola di ordinanza che, attesa la sua letalità, può essere utilizzata solo in casi eccezionali.

fonte: grnet.it

 

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?