Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Carabinieri e cinofili della Polizia Penitenziaria, stroncano vasto giro di spaccio ad Alba

Polizia Penitenziaria - Carabinieri e cinofili della Polizia Penitenziaria, stroncano vasto giro di spaccio ad Alba


Notizia del 29/07/2015 - CUNEO
Letto (1650 volte)
 Stampa questo articolo


"Si è conclusa un’importante attività antidroga condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alba che ha portato all’esecuzione di 4 ordinanze di custodia cautelare per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un albanese è finito in carcere, mentre per gli altri tre italiani il G.I.P. del Tribunale di Asti ha disposto l’obbligo di dimora nei rispettivi luoghi di residenza.

L’indagine, coordinata dal P.M. Dr.ssa Boschetti della Procura della Repubblica di Asti, è partita alcuni mesi fa con lo scopo di far luce sul traffico di cocaina sviluppatosi nell’albese. Subito era stato individuato un operaio albanese 35enne, da tempo abitante ad Alba e, fino ad ora, sconosciuto alle forze dell’ordine, ma che conduceva un tenore di vita ben al di sopra delle proprie reali possibilità economiche. Nei confronti dell’uomo sono stati raccolti importanti elementi di responsabilità.

A finire nei guai anche tre italiani, abitanti nella zona, che acquistavano stupefacenti dall’albanese, talvolta per consumarli personalmente, altre volte per cederli ad altri assuntori di cocaina. Uno dei tre italiani, ex-gestore di un circolo ricreativo, di fatto era diventato il procacciatore di clienti dell’albanese, mentre gli altri due italiani erano acquirenti che si trasformavano, a loro volta, in occasionali spacciatori nei confronti di amici e conoscenti in particolare per lo sballo del week end.

Durante le perquisizioni effettuate nelle fasi dell’arresto, con il prezioso supporto di Unità Cinofili della Polizia Penitenziaria di Asti, i militari hanno rinvenuto un totale di circa cento grammi di stupefacenti, tra cocaina, hashish e marijuana.

Le cessioni di cocaina avvenivano in modo alquanto singolare. L’albanese, piuttosto scaltro, aveva escogitato un codice e individuato luoghi di cessione preordinati. Lo scopo era quello di limitare al minimo comunicazioni telefoniche e di evitare la ripetitività degli incontri. In pratica, l’acquirente inviava all’albanese un sms con uno o più puntini. Il numero dei puntini, hanno poi scoperto i carabinieri, significava il numero delle dosi desiderate. Il luogo di consegna era stato concordato con il cliente ed era sempre diverso da un acquirente all’altro. Questo stratagemma ha complicato non poco l’attività agli investigatori, ma anche i metodi più infallibili hanno poi un punto debole. La perseveranza dei militari alla fine è stata infatti premiante.

L’albanese, considerato il volume delle cessioni, è ritenuto a buon titolo il principale fornitore di cocaina per la piazza albese. La clientela si può dire di tipo trasversale, nel senso che tra i suoi acquirenti si annoveravano sia consumatori incalliti già noti ai carabinieri, sia persone assolutamente insospettabili e di ogni fascia sociale soprattutto tra i consumatori occasionali di cocaina. Nei prossimi giorni i quattro saranno interrogati dal magistrato, mentre i loro clienti individuati dai carabinieri, saranno segnalati alla Prefettura di Cuneo come assuntori di droga e rischiano, tra le altre sanzioni accessorie, anche la sospensione della patente di guida".

IL COMANDANTE

(Cap. Serena Federica Galvagno)

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

2 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

3 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

4 Poliziotto Penitenziario di Milano si suicida con la pistola d''ordinanza: era in servizio presso il Nucleo NTP di Milano Opera

5 Agente Polizia Penitenziaria uccide la moglie e si suicida: illesa la figlia diciottenne presente in casa, il padre le ha detto di allontanarsi

6 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

7 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

8 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

9 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

10 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Due suicidi nella Polizia Penitenziaria a distanza di poche ore: Dipartimento amministrazione penitenziaria continua a tergiversare sul disagio dei Poliziotti

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato