Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Bari, i boss di dividono i padiglioni con Agenti corrotti: dichiarazioni del pentito trai i più attendibile

Polizia Penitenziaria - Carcere di Bari, i boss di dividono i padiglioni con Agenti corrotti: dichiarazioni del pentito trai i più attendibile


Notizia del 03/03/2016 - BARI
Letto (3924 volte)
 Stampa questo articolo


Racconta di come «il reggente» del clan in carcere venisse scelto in base al grado di affiliazione. Parla della pax mafiosa nelle diverse sezioni. Giuseppe Simeone, il pentito che con le sue dichiarazioni ha portato all’arresto di Franco Diomede e di altri quattro estorsori del quartiere Carrassi, questa volta svela come i clan cerchino di esercitare il proprio potere anche dietro le sbarre, nell’istituto penitenziario di Bari. Il pentito, in carcere da novembre con l’accusa di aver ordinato l’omicidio di Cristian Midio, è considerato uno dei collaboratori di giustizia più attendibili, capace di rendere dichiarazioni non solo sul suo clan, quello dei Diomede, ma anche su altre organizzazioni criminali della città

Rispondendo alle domande di Roberto Rossi, pubblico ministero della Dda, e parlando della vita in carcere racconta: «Di regola la prima sezione o la quarta sezione è in mano ai Capriati, se c’è uno dei Capriati oppure in mano ai Diomede... infatti l’ho fatto anche io il responsabile per un periodo a Bari. Avendo gradi molto elevati anche, ti fanno fare il responsabile di sezione, cioè che saresti quello che devi mettere la pace o la tranquillità oppure dire: “Quello è un infame”, dare sempre l’ok a ogni situazione che succede e cercare di evitare le discussioni stupide, queste cose qui... prendere i ragazzi se si sono litigati in cella, diciamo devi garantire un ordine generale della sezione».

Il referente di ogni sezione, racconta il pentito, veniva scelto sulla base del grado di affiliazione. Simeone racconta anche di come talvolta i clan cerchino «l’unione per non fare discussione». «Per esempio – aggiunge – stava un Capriati al secondo piano e un Diomede al primo. Insieme decidevano e insieme facevano». Le dichiarazioni di Simeone sono state depositate nel procedimento in cui i principali imputati sono due agenti della Polizia Penitenziaria, arrestati nel giugno del 2013 con l’accusa di aver introdotto in carcere oggetti personali vietati dal regolamento. Un’inchiesta destinata ad allargarsi.

Simeone racconta come riuscire a far arrivare droga oltre le sbarre rappresenti un titolo di merito tra i detenuti. «In carcere - dice Simeone - la cosa che entra di più è l’hascisc. Quindi uno già che riesce ad avere questo canale, in carcere riesce a farsi amare da tutti. Anche uno spinello in carcere, chissà che cosa gli hai dato a un detenuto, quindi quello è subito pronto na stare dalla tua parte; oppure anche lui stesso si fa presente per qualsiasi cosa, si presta».

Al pentito gli agenti della sezione di pg della polizia mostrano alcune fotografie. E lui riconosce Giuseppe Altamura, soprannominato “Cartellimo rosso”, uno dei due agenti arrestati due anni fa. Simeone racconta di un regalo, alcuni profumi, che il pregiudicato Vincenzo Zonno gli diede in carcere. Ad assistere alla scena c'era “Cartellino rosso”. «No, parla tranquillo, non ti preoccupare, è
 roba nostra questo», avrebbe detto Zonno a Simeone. Che rispondendo ancora al pm, chiarisce: «”Cartellino rosso” non è un affiliato, però è una guardia, però è come un amico, come devo dire? Un amicone, uno che tu ci tieni; però in quei contesti si capisce che tu ci tieni perchè alla fine è colui che ti fa stare bene, ti porta delle cose, delle agevolazioni in carcere, chiavette, cose che tu non puoi avere».

bari.repubblica.it

 

Relazione della DIA: boss pugliesi continuano a dettare regole dalle carceri

 

Sacra corona unita. affiliazioni quasi sempre di sabato nelle carceri

 

Poliziotti penitenziari accusati di spaccio nel carcere di Bari: Procura chiude le indagini

 

Poliziotti penitenziari arrestati a Bari: ecco le contestazioni dell'Antimafia

 

Arrestati dal NIC due agenti della Polizia Penitenziaria: accusati di spaccio di droga

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?