Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Carcere di Cagliari: Buoncammino fatiscente, il nuovo di Uta forse finito per il 2014

Polizia Penitenziaria - Carcere di Cagliari: Buoncammino fatiscente, il nuovo di Uta forse finito per il 2014


Notizia del 15/07/2013 - CAGLIARI
Letto (3407 volte)
 Stampa questo articolo


Piano Carceri: carcere di Cagliari Buoncammino in condizioni difficili da gestire. Quello nuovo il località Uta, ancora con parecchi lavori da ultimare, forse sarà inaugurato nel 2014.

Buoncammino, il solito inferno. Uta, l'eterna incompiuta. Per questo i detenuti, ma anche gli agenti di Polizia Penitenziaria, sono costretti ad un'altra estate di passione. C'è il solito problema del sovraffollamento, con il numero dei detenuti che non si discosta troppo da quota 530, quando la capienza massima dovrebbe essere di 350.

Ci sono in prospettiva i soliti piccoli-grandi allarmi (celle troppo piccole, situazione igienico sanitaria precaria, poche possibilità di lavorare) che la protesta dell'altro giorno ha amplificato in maniera considerevole. Ma così non si può più andare avanti.
"I detenuti di Buoncammino stanno marcendo, ci sono alcune celle al pianterreno che d'inverno e anche in questi giorni di caldo sono umide. Una umidità tale che esce acqua dal pavimento per cui devono dormire con cerate e giacche a vento. Capita spesso che non ci sia acqua calda e riscaldamento e, nel caso di guasti, non ci sono soldi per le riparazioni".

Parole, musica e polemiche dell'avvocato Annamaria Busia che ieri mattina, insieme a Maria Grazia Caligaris (dell'associazione socialismo diritti riforme) e alla moglie di un detenuto trasferito nei giorni scorsi a Lanusei (per punizione?), ha organizzato un sit-in davanti a Buoncammino per denunciare la situazione difficile del penitenziario, chiedere spiegazioni sulla mancata apertura del carcere di Uta e lanciare un appello ai parlamentari sardi affinché venga modificato l'articolo 41 bis che porterà i detenuti in regime di carcere duro negli istituti penitenziari isolani. Se non una vera e propria invasione, poco ci manca.

"Dietro la mancata apertura di Uta c'è qualche cosa di poco chiaro, era stato creato per trasferire i detenuti di Cagliari, ma è tutto fermo - ha sottolineato il legale - Dobbiamo ringraziare il personale di Buoncammino, il direttore Pale e gli agenti che fanno enormi sforzi per tamponare questa situazione. I detenuti non vogliono niente, chiedono solo che venga rispettato il loro diritto di esseri umani, ci sono diverse pronunce in materia da parte della Corte Europea.

Io ho presentato un esposto in Procura proprio perché credo che la situazione di Buoncammino sia da portare davanti a Strasburgo". Su Uta il legale sospetta che "i soldi che erano destinati al carcere siano andati a finire per completare e costruire i bracci speciali che devono contenere i detenuti 41bis". Riguardo alla situazione di Uta, è intervenuta Maria Grazia Caligaris: "L'amministrazione ha detto che il carcere potrebbe aprire a fine 2013 ma i lavori da fare sono tali che questa data è già stata superata. Ci sono tanti allestimenti da fare, per non parlare della situazione all'esterno del nuovo carcere, tra bonifiche da fare ed emergenze da tappare".

Sul fronte del 41 bis l'avvocato Busia chiede l'interessamento dei parlamentarsi sardi: "Lancio un appello a tutti i deputati e senatori eletti nell'Isola, al presidente del Consiglio Letta, perché ci sia una modifica del 41 bis: deve essere cancellato il comma che è stato introdotto nel 2009 e che prevede il trasferimento dei detenuti nelle carceri insulari".

La Nuova Sardegna

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no