Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Padova: chiesti 5 anni e 2 mesi di carcere per il Poliziotto penitenziario che introduceva telefoni e droga

Polizia Penitenziaria - Carcere di Padova: chiesti 5 anni e 2 mesi di carcere per il Poliziotto penitenziario che introduceva telefoni e droga


Notizia del 02/11/2017 - PADOVA
Letto (3093 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo qualche tempo trascorso in carcere i detenuti, o almeno parte di questi, venivano a conoscenza che c’era un agente di Polizia Penitenziaria, palermitano, che era disposto ad “aiutarli” in modo illecito. Poteva dar loro telefonini e droga, ovviamente pagando il servizio. Lo ha assicurato nella richiesta di condanna il pubblico ministero che ha smascherato il malaffare diffuso all’interno del carcere Due Palazzi di Padova.

L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Sergio Dini, sul rinvenimento di telefoni cellulari in carcere in uso ai detenuti è tornata al centro del dibattimento in tribunale. Come riportano i quotidiani locali, martedì, al termine della sua requisitoria ha chiesto 5 anni e 2 mesi di reclusione per Francesco Corso, 41 anni, indagato per corruzione, mentre per i tre "beneficiari" dei telefonini sono stati chiesti quattro anni per un detenuto serbo, condannato a 30 anni per omicidi, violazioni dei trattati di guerra, saccheggi durante il conflitto nei Balcani e un siciliano in carcere per omicidio. Un anno e 8 mesi è invece stato chiesto per un detenuto ritenuto responsabile di una serie di rapine nel Veronese.

In tre anni sarebbero stati sequestrati ben 130 telefonini, utilizzati, si stima, da almeno 200 detenuti. In merito la legge non ritiene costituisca reato l'introduzione di un telefono cellulare in carcere da parte di un familiare e neppure lo scambio o la cessione di un apparecchio tra detenuti (in questo caso è previsto solo un provvedimento disciplinare); è reato, invece, se ad introdurre i telefonini o a tacere è un poliziotto penitenziario.

"APACHE".
L'indagine sul "carcere colabrodo", iniziata nel 2013, aveva già portato all'arresto di un avvocato e sei agenti nel luglio 2014 accusati di spaccio di sostanze stupefacenti e corruzione di pubblici ufficiali. 14 le misure cautelari emesse dal gip del tribunale di Padova Mariella Fino a conclusione dell'indagine denominata "Apache", condotta nell'ambito della realtà carceraria dal sostituto procuratore Sergio Dini ed eseguite dall'alba di martedì dalla polizia di Padova con la collaborazione della Polizia Penitenziaria. Gli inquirenti avevano così smantellato un sistema di consegne di droga, cellulari ed altre utilità all'interno del carcere: i sei agenti della Polizia Penitenziaria del Due Palazzi, in concorso con familiari ed ex detenuti, introducevano in carcere droga (eroina, cocaina, hashish, metadone) e materiale tecnologico vietato (telefonini, schede sim, chiavette usb) ai detenuti.

GLI SVILUPPI.
Nel marzo 2015 altre due misure cautelari nei confronti di altrettanti poliziotti penitenziari indagati per corruzione e spaccio di stupefacenti. Quindi l'ultimo episodio nel marzo 2017 che aveva portato all'iscrizione nel registro degli indagati di un agente penitenziario, nel cui alloggio di servizio erano stati rinvenuti e posti sotto sequestro venti cellulari occultati; oltre a questi, altri 6 telefonini sarebbero stati trovati nel corridoio della casa di reclusione. Tutti dotati di schede sim.

palermotoday.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Agente penitenziario ucciso da tre batteri in ospedale: alla vedova un milione di euro di risarcimento

5 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

9 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

10 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Evasione di Favignana: “Non importa quanto vai piano, l''importante è che non ti fermi"

8 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

9 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane