Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Carcere di Padova: in tre anni sequestrati 130 telefoni cellulari a disposizione dei detenuti

Polizia Penitenziaria - Carcere di Padova: in tre anni sequestrati 130 telefoni cellulari a disposizione dei detenuti


Notizia del 04/06/2017 - PADOVA
Letto (2503 volte)
 Stampa questo articolo


Otto luglio 2014, primo “terremoto” tra le mura della casa di reclusione Due Palazzi di Padova con 15 arresti (tra cui sei agenti di Polizia Penitenziaria) e un totale di 31 indagati. Il sospetto (confermato da una serie di sentenze di condanna) che in quella struttura potesse entrare di tutto, dai cellulari alla droga, è confermato dall’indagine. Carcere colabrodo, ieri e carcere colabrodo ancora oggi. 

Lo scorso mese di marzo ennesima perquisizione: nell’alloggio di servizio di un agente sono stati scoperti e sequestrati 20 cellulari con schede sim. L’agente, che viveva nella palazzina di fronte alla casa circondariale (quella per i detenuti non definitivi), è finito nel registro degli indagati per il reato di corruzione: l’inchiesta (come gli altri filoni ancora aperti), è sempre coordinata dal pm padovano Sergio Dini.

Nelle stesse ore vengono recuperati altri 6 telefonini (sempre attrezzati con schede sim) nascosti dietro un termosifone nel corridoio della casa di reclusione, il carcere-grattacielo visibile a distanza, con oltre 800 ospiti condannati in via definitiva e indicato da molti, in Italia, come una struttura penitenziaria-modello. Eppure una struttura dove continuano a entrare telefonini e chissà che altro.

Lo svela un dato registrato dagli investigatori con grande preoccupazione: dall’1 gennaio 2014 a oggi sono stati sequestrati nel Due Palazzi ben 130 cellulari tutti dotati di sim card. Cellulari che – secondo stime affidabili – sono stati utilizzati da almeno 200 detenuti che, in quanto tali, non dovrebbero avere alcun contatto con l’esterno salvo i colloqui autorizzati.

mattinopadova.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore