Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Carcere di Poggioreale: erano operai in pausa pranzo le persone viste sui tetti del carcere a prendere il sole

Polizia Penitenziaria - Carcere di Poggioreale: erano operai in pausa pranzo le persone viste sui tetti del carcere a prendere il sole


Notizia del 14/05/2015 - NAPOLI
Letto (3042 volte)
 Stampa questo articolo


Tintarella sui tetti di Poggioreale. Ha destato scalpore la video inchiesta delCorriere del Mezzogiorno che ritrae diverse persone intente a prendere il sole sul tetto di uno dei tanti padiglioni del carcere napoletano. Un fatto che non è passato di certo inosservato, anche agli addetti ai lavori. Clamore che ha spinto la parlamentare del Pd Michela Rostan, membro della commissione Giustizia della Camera, a presentare un’interrogazione parlamentare affinché venga fatta chiarezza sul caso del «solarium» ricavato sul tetto del carcere.

«È davvero incomprensibile ed intollerabile il fatto che il tetto di un carcere, casa circondariale peraltro gravata da un elevato grado di sovraffollamento e dove le condizioni dei detenuti sono difficilissime — ha osservato Rostan — possa trasformarsi in un luogo dove si prende la tintarella. Si tratta di uno schiaffo a chi, appena a pochi metri, è costretto a vivere 22 ore in una cella. La vicenda pone anche inquietanti interrogativi sui potenziali rischi per la sicurezza. Occorre immediatamente fare luce sull’episodio — ha concluso — ed evitare che casi del genere possano verificarsi in futuro». Ma il direttore del carcere di Poggioreale Antonio Fullone interpellato sull’argomento ci racconta che «nella maniera più assoluta le persone ritratte nel video sono ospiti dell’istituto penitenziario. E d’altronde — prosegue il direttore — non potrebbe nemmeno trattarsi di detenuti in quanto il padiglione “Genova” sul cui tetto sono stati immortalati i soggetti, è chiuso da circa un anno, dalla fine della scora estate per la precisione, per lavori di ristrutturazione».

E allora chi erano e cosa ci facevano li sopra. «Semplice anche la risposta a questa domanda: erano gli operai della ditta Edil Erica intenti nei lavori di riqualificazione della struttura che nella loro pausa pranzo salgono sul tetto per consumare il pasto, fumare una sigaretta e rilassarsi dalla mole di lavoro che c’è da fare. Nessuno scandalo, dunque». E sulla questione delle «comunicazioni» che avverrebbero tra alcuni edifici del Centro direzione e il carcere? Su questo specifico argomento il direttore Fullone non esclude nulla. «Certo — precisa — ci sono alcuni edifici della struttura che sono esposti, il carcere d’altronde è in piena città. Con i palazzi tutt’intorno. Non lo posso escludere, dunque», aggiunge, «anche se dalla mia esperienza anche in altre strutture penitenziare italiane, mi sembra francamente molto, ma molto difficile intavolare una conversazione tra le celle e le torri del Centro direzionale: la distanze che ci sono lo impedirebbero».

E poi ci racconta qualche aneddoto dettato dai suoi passati incarichi: «Ne ho viste di tutti i colori dagli specchietti, ai segnali di fumo. Addirittura, in un penitenziario di cui non faccio il nome, mi è capitato di scoprire che alcuni parenti di carcerati avevano affittato i balconi delle case attigue alla struttura. Dico questo — aggiunge ancora Fullone — per ribadire che può accadere a Napoli così come può accadere in qualsiasi altro carcere italiano. E comunque il controllo da parte del personale della Polizia Penitenziaria è altissimo: c’è una vigilanza armata sul muro di cinta 24 ore su 24 e qualsiasi tentativo di comunicazione sarebbe immediatamente individuato e interrotto».

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Gruppi di persone avvistati sopra il tetto del carcere di Poggioreale a prendere il sole

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo