Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Poggioreale intitolato a Giuseppe Salvia, Vice Direttore del carcere ucciso dalla camorra in un agguato

Polizia Penitenziaria - Carcere di Poggioreale intitolato a Giuseppe Salvia, Vice Direttore del carcere ucciso dalla camorra in un agguato


Notizia del 24/06/2013 - NAPOLI
Letto (2855 volte)
 Stampa questo articolo


Il carcere di Poggioreale è stato intestato alla memoria di Giuseppe Salvia, già Vice Direttore della Casa Circondariale e ucciso in un agguato di mafia per il suo comportamento integerrimo al lavoro. 

Un uomo semplice, incorruttibile, un servitore dello Stato. A Giuseppe Salvia, vittima della Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo, è stata intestata la casa circondariale di Poggioreale. Sabato mattina la cerimonia di scopertura della targa posta all'ingresso del carcere dove Salvia è stato vicedirettore e responsabile del padiglione di massima sicurezza dal 1976 fino al 1981, quando un commando di sei killer mandati dal boss detenuto lo freddarono mentre rientrava a casa. 

Un riconoscimento che arriva a distanza di trent'anni - sottolinea il figlio, Claudio, che all'epoca aveva tre anni e ora lavora alla sezione antimafia della prefettura napoletana - ma la giustizia non ha tempo, come la memoria. Questo è un giorno importante perchè segna un'ulteriore vittoria per lo Stato dal momento che il suo ricordo resterà per le nuove generazioni".

Un ricordo che la famiglia coltiva con cura, come racconta il primogenito di Salvia, Antonino, (anche lui lavora a Poggioreale) che rimarca i risultati dell'associazione e della scuola elementare di Capri, che gli sono intestate.

"Oggi è il nostro angelo - commenta la moglie Giuseppina Troianiello - i suoi insegnamenti sono stati una guida per me che ho trasferito ai miei figli il suo essere giusto, tenero eppure inflessibile. Era amato anche dai suoi detenuti che per il suo funerale fecero arrivare 69 corone di fiori".

Un uomo che seppe dire a Cutolo, che rifiutava di essere perquisito, "lei è un detenuto come tutti gli altri", racconta Tommaso Contestabile, provveditore generale degli istituti penitenziari della Campania, mettendone in rilievo i valori di "funzionario fedele e per questo uomo scomodo: è anche grazie a lui nel carcere ci sono i segnali di un corso nuovo".

Un omaggio "a un eroe", commenta Teresa Abate, direttrice di Poggioreale, "ma anche un'occasione per ricordare e riflettere sui tempi duri del dopo terremoto, quando in carcere si consumava una sanguinosa faida". 

Repubblica

14 aprile 2011

Ricorre oggi l'anniversario di uno dei più spietati omicidi di camorra: i trent'anni dalla morte di Giuseppe Salvia, caprese, vicedirettore del carcere di Poggioreale a Napoli, che venne ucciso sulla tangenziale di Napoli il 14 aprile 1981. Il Comune di Capri ha ricordato un anno fa il suo concittadino, intitolandogli una delle scuole materne ed elementari dell'isola.

Ligio al dovere, a tutti gli effetti considerato un eroe di Stato: in carcere – sottolineano i figli – chiedeva il rispetto delle regole "ed era ben voluto da tutti tranne che da Raffaele Cutolo, spietato boss della camorra", con il quale si scontrò varie volte. Salvia era nato a Capri nel 1943 nella casa paterna di 'Palazzo Canale' ed effettuò gli studi classici a Napoli.

Conseguì, poi, la laurea in giurisprudenza all'Università di Napoli Federico II. Nel 1973, dopo aver vinto un concorso, assunse l'incarico di vicedirettore del carcere di Poggioreale, istituto di massima sicurezza. Il 14 aprile 1981, quando aveva appena 38 anni, venne ucciso in un agguato ad opera della criminalità organizzata sulla tangenziale di Napoli: a decretare la sua morte fu il boss della Nco Raffaele Cutolo che, ritenuto il mandante di quel delitto, fu condannato all'ergastolo.

Oggi lo ricordano la moglie Giuseppina e i figli Antonino e Claudio. Il Comune di Capri commemorò l'anno scorso Giuseppe Salvia dedicandogli la scuola elementare e materna di Tiberio: a deciderlo fu con un voto bipartisan il consiglio comunale di Capri che, all'unanimità, approvò la delibera con la quale si stabilisce che il plesso scolastico venga intitolato alla memoria di Salvia "affinché – era scritto nella motivazione – il sacrificio della sua vita, immolata per la difesa dei valori umani, sia di esempio per le nuove generazioni".

Ansa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 SISSY TROVATO MAZZA, la famiglia respinge la tesi del suicidio: indagini verso la chiusura?

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Pavia, ambulante vendeva berretti della Polizia Penitenziaria senza licenza. Condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione

5 Poliziotti penitenziari coinvolti nel caso Cucchi citano i Ministeri della Giustizia, Difesa e Interni: il GUP accoglie la richiesta

6 Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

7 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

8 Catturato detenuto tunisino e islamico radicalizzato: era evaso da permesso premio, Poliziotto penitenziario lo riconosce in stazione

9 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

10 Lucera, in fiamme auto di un poliziotto penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Concorso 800 posti da assistente giudiziario, 300mila le domande: la Polizia Penitenziaria e il DAP in prima linea per gestire un modello innovativo di prove concorsuali

2 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

3 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

4 Riordino delle Carriere: Il parere delle Commissioni parlamentari

5 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

6 Operazione antidroga di NIC Polizia penitenziaria e Carabinieri: arresti a Rebibbia

7 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

8 Preso anche il terzo e ultimo evaso di Firenze Sollicciano

9 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

10 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?