Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Rebibbia: detenuta aggredisce 3 poliziotti a una settimana dalla scarcerazione

Polizia Penitenziaria - Carcere di Rebibbia: detenuta aggredisce 3 poliziotti a una settimana dalla scarcerazione


Notizia del 06/07/2013 - ROMA
Letto (2432 volte)
 Stampa questo articolo


Non sono passati che pochi giorni dall’incredibile episodio di violenza accaduto nel Centro penitenziario di Roma Rebibbia (dove un detenuto e alcuni suoi familiari avevano aggredito un poliziotto durante il colloquio che si svolgeva nell'area verde del Nuovo Complesso) che il carcere romano torna purtroppo alla ribalta.

Poliziotto penitenziario aggredito a Rebibbia da detenuto e suoi familiari

“Nella serata di ieri, alle ore 22,45 circa, una detenuta di nazionalità ungherese, tale A.N., ha aggredito un ispettore e 2 agenti di Polizia Penitenziaria. Detenuta nel reparto camerotti per furto e fine pena 13.07.2013, si è autolesionata ma solo grazie al pronto intervento dalla Polizia Penitenziaria è stata immediatamente portata al reparto infermeria dell'istituto romano. Visitata dal sanitario di turno, la detenuta ha espresso la volontà di togliersi la vita e, per questo motivo, è stata disposta la sorveglianza a vista. La detenuta si rifiutava di tornare in cella e per risposta aggrediva un ispettore e due agenti che cercavano di ricondurla alla ragione. Le colleghe venivano accompagnate al pronto soccorso dell'ospedale Sandro Pertini a seguito di rifiuto del sanitario presente in istituto di visitarle”.

Lo dichiara Donato CAPECE, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE (il primo e più rappresentativo della Categoria), commentando l’ennesima aggressione a poliziotti della Penitenziaria, questa volta nel carcere di Roma Rebibbia.
“ Questa ennesima aggressione a poliziotti penitenziari ci preoccupa. La carenza di personale di Polizia Penitenziaria e il costante sovraffollamento delle celle, con le conseguenti ripercussioni negative sulla dignità stessa di chi deve scontare una pena in celle affollate oltre ogni limite e soprattutto di chi in quelle sezioni deve lavorare rappresentando lo Stato come i nostri Agenti, sono temi che si dibattono da tempo, senza soluzione, e sono concause di questi tragici episodi.

Spesso, come a Rebibbia, il personale di Polizia Penitenziaria è stato ed è lasciato da solo a gestire all’interno delle nostre carceri moltissime situazioni di disagio sociale e di tensione, 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. Il DAP pensa alle favole, alla vigilanza dinamica ed all’autogestione dei detenuti: ma le tensioni in carcere crescono in maniera rapida e preoccupante: bisogna intervenire tempestivamente per garantire adeguata sicurezza agli Agenti e alle strutture! E bisogna che chi aggredisce gli Agenti sia punito con severità e fermezza!”.

Sappeinforma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria