Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Terni: otto sindacati chiedono rimozione di Comandante e Direttore

Polizia Penitenziaria - Carcere di Terni: otto sindacati chiedono rimozione di Comandante e Direttore


Notizia del 21/11/2013 - TERNI
Letto (4402 volte)
 Stampa questo articolo


La nota è durissima. Gli otto organizzazioni sindacali degli operatori della Polizia Penitenziaria, tutte insieme, lanciano l’ennesimo allarme relativo alla situazione esistente nel carcere ternano di Sabbione e parlano, senza mezzi termini, di «menefreghismo della direzione che continua nelle scelte scellerate travolgendo la Polizia Penitenziaria». E tornano a chiedere la sostituzione della direttrice.

Ampliamento Entro gennaio 2014, ricordano i sindacati «è infatti prevista l’apertura totale del nuovo padiglione, con l’arrivo di circa 300 detenuti; ciò accadrà in quanto il direttore reggente ed il comandante hanno dimostrato di poter aprire un piano del
nuovo padiglione impiegando soltanto una unità di Polizia Penitenziaria». Peccato, attaccano, «che per farsi belli agli occhi del mondo esterno hanno entrambi dimenticato i carichi di lavoro che aumenteranno per tanti settori, diminuendo inversamente la sicurezza del personale e dell’intero Istituto». La cosa era stata anche oggetto di un confronto, a maggio, con alcuni parlamentari del Pd che avevano visitato il carcere di Sabbione.

Il controllo Il nuovo piano aperto nel carcere ternano prevede un sistema di ‘vigilanza dinamica’, con telecamere che tengono sotto sorveglianza tutto e inviano le immagini in un’apposita sala di controllo: «Questo significa . dicono i sindacati – che un collega guarda due piani e ne è unico responsabile. Pochi giorni fa, però, è venuta a mancare l’energia elettrica in vari momenti della giornata per problemi tecnici interni e quel collega ha dovuto riprendere le chiavi di tutti e due i piani e gestire da solo i detenuti di due sezioni».

Il caso Le organizzazioni sindacali puntano il dito contro il comandante, Fabio Gallo, «che indossa la nostra uniforme e che dovrebbe ben sapere ormai dopo tanti anni cosa significa la parola ‘sicurezza’, visto che ne è il diretto responsabile» e citano un caso emblematico: «Il ricovero di un detenuto all’ospedale ha letteralmente mandato in tilt tutto il sistema e ha costretto a togliere i riposi settimanali al personale. Dov’è tutto il personale che dicono di avere se poi una piccola e comunissima emergenza mette letteralmente in ginocchio tutti gli equilibri?».

Il sospetto Da parte delle organizzazione sindacali, poi, si insinua un dubbio, quello relativo al fatto che «il comandante voglia ritornarsene a Roma, destinato ad altro e più prestigioso incarico, dopo aver dimostrato di essere capace di aprire un nuovo padiglione». Ecco perché chiedono al provveditorato regionale e al dipartimento di «fermare questo inarrestabile processo di degrado del nostro istituto e garantire la sicurezza della Polizia Penitenziaria».

La richiesta Gli otto sindacati della Polizia Penitenziaria «nel comunicare che metteranno in campo ogni forma di protesta lecita per fermare questo delirio di onnipotenza di qualcuno, sollecitano un incontro urgentissimo con il provveditore regionale», rimarcando che hanno già «interrotto ogni tipo di relazione sindacale con la direttrice, Chiara Pellegrini, per l’ assoluta assenza di attenzione nei confronti di chi ogni giorno è in prima linea». Alle segreterie generali dei rispettivi sindacati, invece, «si sollecita di intercedere presso l’ufficio del ministro e presso il Dap, per l’emissione di un interpello per la nomina di un nuovo direttore dell’istituto ternano».

umbria24.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE UMBRIA
Statistiche carceri Regione Umbria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

5 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

10 Nuovo carcere di Nola. Aggiudicata la gara di appalto per la realizzazione del penitenziario da 1200 posti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente di Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza. Sposato, con tre figli, era in servizio nel carcere di Padova

2 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

3 Il Messaggero: stanziati fondi per rinnovo contratto polizia, dovrebbero essere circa 100 euro a regime

4 Congedo programmato e malattia

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?