Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Carcere di Vasto: mensa Agenti chiusa e buono pasto per la Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Carcere di Vasto: mensa Agenti chiusa e buono pasto per la Polizia Penitenziaria


Notizia del 24/06/2016 - CHIETI
Letto (1978 volte)
 Stampa questo articolo


Vasto.  Mensa di servizio chiusa per urgenti lavori di ristrutturazione e fino a data da destinarsi, buono pasto sostitutivo per gli agenti di Polizia Penitenziaria.

E’ la decisione della direzione del carcere di Vasto, dopo la protesta dei Baschi Azzurri del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, il primo e più rappresentativo di categoria, da alcune settimane in stato di agitazione.

“Una decisione saggia e inevitabile”, commenta Donato Capece, segretario generale Sappe.

“Gli agenti del Sappe protestavano da alcune settimane per le cattive condizioni in cui era la mensa della polizia penitenzieria. Un soffitto dal quale cadevano pezzi di intonaco e, quando piove, acqua; pentole, bicchieri, posate e piatti al limite dell’utilizzo; assenza di apparecchi condizionatori per fronteggiare la calura estiva; condizione precarie circa la qualità e la quantità dei pasti serviti.

Una situazione di degrado e insalubrità che caratterizzava da troppo tempo la mensa degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nella Casa Circondariale di Vasto”.

“Stiamo parlando di poliziotti che rischiavano di vedersi cadere in testa l’intonaco del soffitto quando mangiavano, e che quando piove devono quasi pranzare o cenare con l’ombrello.

I muri della mensa – prosegue Capece – sono fatiscenti e meriterebbero una tinteggiatura così come è necessaria una nuova dotazione di pentole, piatti, posate e bicchieri: quelli attuali non ce la fanno più.. Una situazione assurda, da tempo ben nota a tutti. Ora finalmente la decisione di chiuderla per urgenti lavori di manutenzione”.

Lavori che il Sappe si augura saranno “rapidi e definitivi”.

cityrumors.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore