Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carcere di Velletri: NIC e GOM scoprono detenuto che continuava a gestire banda di usurai dal carcere

Polizia Penitenziaria - Carcere di Velletri: NIC e GOM scoprono detenuto che continuava a gestire banda di usurai dal carcere


Notizia del 24/03/2015 - ROMA
Letto (2564 volte)
 Stampa questo articolo


Nella mattinata odierna i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Velletri hanno dato esecuzione a un provvedimento cautelare – emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura – nei confronti di tre soggetti di origine italiana ritenuti responsabili dei reati di usura ed estorsione.

LA BANDA – L’attività investigativa prende le mosse dalla denuncia presentata da un commerciante di Velletri lo scorso dicembre che ha consentito di fare piena luce sul sodalizio che gestiva un incontrastato giro di usura sul territorio.
La vittima stretta tra la morsa dei debiti e le difficoltà economiche sempre più ingenti, si vedeva costretta nel mese di aprile 2014 ad affidarsi ad un soggetto, gravato da pregiudizi e già noto alle forze dell’ordine, che le prestava a titolo di “favore” la somma contante di euro 10.000, richiedendo la restituzione dell’importo con rate mensili e applicazione di tassi usurari ben oltre la somma prestata. Sin da subito la richiesta di restituzione del credito è apparsa esagerata. Il soggetto infatti, pretendeva interessi tanto alti e smisurati da superare di gran lunga il tetto dei 10.000 euro iniziali.
La vittima è stata costretta anche a cedere un’autovettura in cambio di una rata non versata. Anche quando l’usuraio finisce in prigione per pregresse vicende giudiziarie, gli altri due soggetti a lui affiliati ne continuano a seguire gli interessi reiterando le intimidazioni per recuperare il credito dalla vittima.
Quest’ultima, vessata dalle continue minacce celate dietro richieste di denaro impossibili da fronteggiare, ha deciso qualche mese fa di rivolgersi finalmente ai Carabinieri.
L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Velletri, consentiva in pochi mesi di far emergere un vero e proprio giro di usura e di appurare la connivenza tra i tre personaggi nonché il ruolo di ognuno di essi: il detenuto un romano di 33 anni impartiva ordini ai suoi due “soci “ di 44 e 25 anni di Velletri che, liberi di muoversi sul territorio, si facevano portavoce delle richieste dal carcere per recuperare le somme di denaro.
Le perquisizioni sono state eseguite in Roma e Velletri ed estese anche ai locali della casa circondariale. Nell’istituto penitenziario, con l’ausilio della personale della Polizia Penitenziaria in particolare del Nucleo Investigativo Centrale e del Gruppo Operativo Mobile di Roma, è stato rinvenuto un telefono cellulare utilizzato da un detenuto per i contatti con l’esterno.
L’operazione che ha portato all’arresto dei tre usurai, coordinata dal Procuratore della Repubblica di Velletri Dott. Francesco Prete,  è un importante segnale per i cittadini onesti ed in particolare per i commercianti che operano sul territorio affinché trovino il coraggio di denunciare qualsiasi forma di sopruso dovessero subire.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna