Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Carcere in Israele: detenuti bambini iniziano lo sciopero della fame

Notizia del 18/06/2012 - ESTERO

Carcere in Israele: detenuti bambini iniziano lo sciopero della fame

letto 1465 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

 La giustizia è diversa in ogni paese. Il carcere in Israele è riservato anche ai minori che scontano la pena in condizioni molto difficili. Per sensibilizzare l'opinione pubblica, i piccoli detenuti del carcere di Hasharon hanno iniziato lo sciopero della fame. (ndr)

 
ISRAELE - Venti bambini detenuti nel carcere israeliano di "Hasharon", secondo fonti private del Ministero per gli Affari dei detenuti a Gaza,  hanno iniziato da martedì 12 giugno, secondo fonti private del Ministero per gli Affari dei detenuti a Gaza, uno sciopero della fame per richiamare l’attenzione verso le difficili condizioni in cui sono costretti a vivere ed ottenere delle risposte in merito da parte direzione carceraria. Le condizioni incontrate dai detenuti minorenni in questa prigione sono molto restrittive e le loro condizioni di vita stanno peggiorando sempre più: non possono ricevere visite da parte dei famigliari, non possono studiare e sono obbligati a lavare i panni a mano. L’amministrazione penitenziaria inoltre ha continuato a torturare e umiliare i prigionieri bambini, sottoponendoli ad ispezioni e provocazioni effettuate dalla intelligence israeliana. Sono stati usati metodi orribili di tortura per estorcere confessioni dai giovani, violando tutte le convenzioni internazionali che proteggono i diritti dei bambini. Chiunque cerchi di far valere i propri diritti viene immediatamente messo in isolamento. Le celle sono situate nei sotterranei, hanno bagni senza porte e alla mensa le razioni sono a dir poco scarse: una sola ciotola di riso per otto giovani. Qualche giorno fa era stata portata all’attenzione della stampa la “politica della fame” disposta da Israele contro i bambini palestinesi detenuti nelle loro prigioni: “la quantità di cibo loro distribuita è scarsa, e ora Israele ha deciso di tagliare alcuni pasti al giorno - dichiara l’avvocato della Società dei prigionieri, Anwar ABu Lafi - non viene data loro la possibilità di scaldare l’acqua e sono sempre più frequenti le aggressioni fisiche, l’ultima delle quale ai danni di Daoud Abu Sbeitan, pesantemente picchiato mentre veniva trasferito alla corte distrettuale di al-Quds (Gerusalemme).”
Nelle carceri e nei campi di detenzione delle autorità di occupazione israeliane ci sono ancora circa 190 bambini sotto i 18 anni di età sottoposti a ristrettezze di spazio, crudeltà, malnutrizione e mancanza di assistenza sanitaria.
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?