Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Carceri, celle al collasso e agenti “disarmati”. È alto il rischio predicatori del terrore

Polizia Penitenziaria - Carceri, celle al collasso e agenti “disarmati”. È alto il rischio predicatori del terrore


Notizia del 13/08/2016 - MILANO
Letto (3907 volte)
 Stampa questo articolo


L'ultima, violenta rissa è scoppiata nel carcere di Monza nei giorni del Ramadan. Cinque detenuti romeni contro un marocchino accusato di fare troppo baccano alla sera una volta finite le ore del digiuno. Calci, pugni e anche colpi di lamette. Per dividerli sono dovuti intervenire una trentina di agenti. «Ormai questo scontro di etnie e di religione è all’ordine del giorno, frutto del regime di detenzione aperto che consente ai detenuti di circolare liberamente durante il giorno all’interno della propria sezione - la denuncia di Nico Tozzi, vice segretario regionale del Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria (Sappe) -. Un regime sbagliato che sta aumentando le criticità, peggiorato dalla cronica carenza di agenti in servizio». Con la cosiddetta sorveglianza dinamica «ormai il 95% dei detenuti sta fuori dalle celle tra le 8 e le 10 ore al giorno ma non tutti sono impegnati in attività lavorative, gironzolano nell’ozio totale e lo sport nazionale è diventato fare risse o aggredire gli agenti - rincara la dose il segretario nazionale del Sappe, Donato Capece -. Ma il vero problema è l’alto numero di stranieri. È una popolazione che non riusciamo a governare. Hanno abitudini e atteggiamenti diversi dagli altri e noi non siamo preparati. In molti casi non c’è possibilità di comunicazione. E la questione diventa ancora più seria oggi con l’incubo terrorismo islamico». In Lombardia gli stranieri oltre le sbarre sono quasi la metà del totale dei detenuti nei 18 istituti. Capece va dritto al punto: «La sorveglianza dinamica consente di fare proselitismo facilmente perché i detenuti si possono incontrare e parlare liberamente. Per impedire la radicalizzazione e la contaminazione dei predicatori non abbiamo alcuno strumento».

Gli agenti hanno chiesto di andare a scuola di arabo perché «così, passando per i controlli nelle varie sezioni, possiamo ascoltare e capire che cosa si dicono fra loro i musulmani. Soltanto in questo modo è possibile fare prevenzione e non solo repressione». Morale della favola, «la situazione è diventata ingestibile - analizza il vice segretario regionale -. In Lombardia si salvano il carcere di Bollate (che non sente il sovraffollamento) e quello di Opera, dove nonostante ci siano circa 300 detenuti in più rispetto al limite previsto il clima non è teso. Gli altri istituti, invece, versano in condizioni pessime. A cominciare da Monza che soffre pesanti carenze non soltanto di agenti ma anche strutturali con intere camerate della caserma agenti inagibili per infiltrazioni d’acqua. Meno agenti (ne mancano un centinaio) mentre i reclusi aumentano: sono 580 (290 stranieri) eppure dovrebbero essere 403». Piene oltre misura anche le celle di Bergamo (200 in più), del Canton Mombello di Brescia (il doppio della capienza), di San Vittore a Milano (943 detenuti di cui 584 stranieri) e in generale di tutto il pianeta carcere. «La pressione è alle stelle, gli arruolamenti sono fermi, le strutture fatiscenti e ogni giorno siamo a piangere miseria. Questa è una polveriera che rischia di eplodere».

fonte: Il giorno

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Agente penitenziario ucciso da tre batteri in ospedale: alla vedova un milione di euro di risarcimento

5 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

9 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

10 Boss della camorra ordinarono omicidi dal carcere di Poggioreale con un telefonino introdotto da un Poliziotto penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Evasione di Favignana: “Non importa quanto vai piano, l''importante è che non ti fermi"

8 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

9 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane