Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Carceri, DAP: fondi insufficienti per il lavoro dei detenuti, lavora un detenuto su cinque

Notizia del 24/01/2012 - ROMA

Carceri, DAP: fondi insufficienti per il lavoro dei detenuti, lavora un detenuto su cinque

letto 1547 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

I fondi non bastano. E a fronte di un progressivo aumento del numero dei detenuti, cala quello dei "lavoranti": uno su cinque. A lanciare l'allarme e' la Relazione dei deputati sullo "svolgimento da parte dei detenuti di attivita' lavorative" presentata dal ministro della Giustizia Paola Severino e basata sull'ultimo report del Dap. I "lavoranti", che a giugno del 2010 erano 14.116, pari al 20,68% dei presenti, esattamente un anno dopo sono 13.765 (il 20,42%).

"A fronte di un consistente aumento della popolazione detenuta - scrive il capo del Dap Franco Ionta - non e' stato possibile rispondere con un uguale aumento in termini percentuali del numero dei detenuti lavoranti". E "il budget largamente insufficiente assegnato per la loro remunerazione ha condizionato in modo particolare le attivita' lavorative necessarie per la gestione quotidiana dell'istituto penitenziario (servizi di pulizia, cucina, manutenzione ordinaria del fabbricato, etc) incidendo negativamente sulla qualita' della vita all'interno dei penitenziari".

I fondi ad hoc sono scesi dai 71,4 milioni del 2006, quando nelle carceri erano in poco piu' di 59mila, ai 49,5 milioni del 2011, quando i detenuti, al 31 dicembre, hanno toccato quota 67.961. Risultato: "il numero dei detenuti lavoranti impegnati nella gestione quotidiana dell'istituto e' inevitabilmente diminuito anche se le direzioni degli istituti, per mantenere un sufficiente livello occupazionale tra la popolazione detenuta, hanno ridotto l'orario di lavoro pro capite ed effettuano la turnazione sulle posizioni lavorative".

"I servizi di istituto - ricorda il dap - assicurano il mantenimento di condizioni di igiene e di pulizia all'interno delle zone detentive comprese le aree destinate alle attivita' in comune. Nel settore, pertanto, un decremento nel numero dei detenuti lavoranti (e delle ore lavorate) alle dipendenze dell'amministrazione ha comportato una forte riduzione dei livelli dei servizi in aspetti essenziali della stessa vivibilita' quotidiana delle strutture penitenziarie, con inevitabili ricadute anche e soprattutto in materia di igiene e sicurezza".

"Nell'attuale situazione di grave sovraffollamento e di carenza di risorse umane e finanziarie - continua la Relazione - garantire opportunita' lavorative ai detenuti e' strategicamente fondamentale anche per contenere e gestire i disagi, le tensioni e le proteste conseguenti alle criticita' esistenti", anche perche' "queste attivita', pur non garantendo l'acquisizione di specifiche professionalita' spendibili sul mercato del lavoro, rappresentano una fonte di sostentamento per la maggior parte della popolazione detenuta".

L'entrata in vigore - undici anni fa - della legge Smuraglia, che riconosce benefici fiscali e contributivi a coop sociali e imprese, ha fatto lievitare il numero degli assunti da soggetti esterni all'amministrazione ma il limite di spesa previsto per l'applicazione (4,6 milioni annui) ha fatto si' che gia' da quest'anno non sia stato possibile prevedere facilitazioni ai datori di lavoro intenzionati ad assumere nuovi detenuti, "determinando in alcune situazioni l'interruzione di rapporti di lavoro in essere".

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria