Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Carceri private USA: un giro d''affari da 5 miliardi di dollari l''anno

Polizia Penitenziaria - Carceri private USA: un giro d''affari da 5 miliardi di dollari l''anno


Notizia del 30/05/2016 - ESTERO
Letto (2370 volte)
 Stampa questo articolo


In America 2,2 milioni di detenuti, in proporzione il numero più alto al mondo. Negli Stati Uniti l'8,7 per cento dei detenuti è recluso in carceri gestite da aziende private. Dal 1990 al 2010 questi detenuti sono aumentati del 1600 per 100. Tra il 2000 e il 2010 il numero di queste prigioni è raddoppiato. Le chiamano "for-profit prison" e già questo dice molto.

Il business delle prigioni private negli Usa sta vivendo da anni un vero e proprio boom, in controtendenza rispetto agli sforzi federali che da un qualche tempo tentano (con pene alternative) di ridurre il mostruoso numero di carcerati (circa 2,2 milioni, in percentuale sulla popolazione il più alto numero al mondo) che affollano le prigioni Usa.

Sono già 138, con 133mila detenuti, diffuse in tutti gli States, altre ne stanno costruendo. Poco conosciute (salvo quando scoppiano incidenti come quelli di "Ritmo", la Guantanamo di Raymondville in Texas), poco controllate, teatri di abusi peggiori di quanto già avviene negli "inferni" federali e statali, sono gestite in modo da prolungare con tutti i mezzi (anche illeciti) la detenzione dei prigionieri.

Nel decennio 2000-2010 i privati hanno individuato un terreno di caccia privilegiato, quello degli immigrati clandestini che tentano di evitare arresti e deportazioni (oggi gli "stranieri" detenuti sono circa 400mila e un quarto sono nelle mani dei privati). E si sono facilmente arricchiti.

Le due più grandi società di "for-profit prison" (il Geo Group e Corrections Corporations of America) insieme hanno incassato nel 2015 la bellezza di 3,3 miliardi di dollari. Se consideriamo tutto il giro d'affari (comprese le piccole prigioni a condizione familiare molto diffuse) arriviamo attorno ai 5 miliardi di dollari. Nel budget federale le spese per il cosiddetto criminal justice system sono ormai seconde solo a quelle per la sanità.

In dieci anni Geo e Cca hanno più che raddoppiato il numero di detenuti che hanno "in carico" e a Wall Street le loro azioni non risentono di crisi. Nel 2015 solo per lobbying al Congresso hanno speso 32 milioni di dollari (in proporzione un incremento annuale più alto di quello di Big Oil, Big Pharma e della lobby per le armi), nel 2016 hanno finanziato diversi candidati repubblicani alla Casa Bianca.

Un business che nei prossimi anni potrebbe moltiplicarsi ulteriormente. Dipenderà tutto da chi vincerà a novembre, visto che Hillary Clinton e Donald Trump (con rispettivi partiti) hanno visioni diametralmente opposte. La prima decisa a invertire la rotta delle incarcerazioni di massa riformando il sistema delle prigioni, il secondo che vuole la deportazione di tutti i clandestini ed è pronto a finanziare (anche con soldi federali) i privati.

In prima fila contro Geo, Cca e gli Stati (soprattutto del sud) che usano il pugno di ferro e finanziano (abbondantemente) i privati, combatte l'American Civil Liberties Union (Aclu), la più importante organizzazione non-governativa per la difesa dei diritti umani con il suo "National Prison Project". Carl Takei, legale dell'Aclu si affida a una vittoria di Hillary: "Il destino dell'industria delle prigioni private e quello delle incarcerazioni di massa sono inevitabilmente legati tra loro. Se queste ultime cesseranno verrà meno la ragione stessa per cui esistono le for-profit prison".

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

5 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia