Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Carceri, un'eterna telenovela senza fine

Notizia del 03/07/2011 - ROMA

Carceri, un'eterna telenovela senza fine

letto 2027 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Nel Paese che ha appena respinto la privatizzazione dell'acqua, il ritorno al nucleare e il legittimo impedimento, cosa accadrebbe se si proponesse un referendum consultivo sull'amnistia?

È ovviamente un gioco ma sarebbe utile capire come una opinione pubblica informata si pronuncerebbe su un tema così delicato e importante. Il sovraffollamento rende la vita dei detenuti tragica. Il 31 maggio scorso i reclusi erano 67.174 a fronte di una capienza regolamentare di 45.551 posti letto.

Le carceri scoppiano; nelle carceri si vive molto male. È quanto cercano di dire anche le migliaia di detenuti che da alcuni giorni, da Imperia a Trani passando per Viterbo, stanno praticando lo sciopero della fame contro le dure condizioni di vita, contro il sovraffollamento e per richiedere un provvedimento di amnistia. Una questione, quella carceraria, che non riesce a sfondare il muro dei media nazionali. Un tema che è stato sollevato con determinazione dalla compagine radicale. Lo storico leader Marco Pannella ha appena iniziato lo sciopero della sete, dopo quello della fame, proprio per attirare l'attenzione sulla drammatica situazione delle carceri italiane e per richiedere un provvedimento di amnistia. «Oggi lo Stato è fuorilegge, è un delinquente professionale: mandare in prescrizione duecentomila processi all'anno, negare il principio - esistente dai tempi del diritto romano - per cui la sentenza si ottiene in tempi reali, significa infatti negare la giustizia e riempire le carceri di detenuti che per il 40 per cento, lo dicono le statistiche, sono ancora in attesa di giudizio, una situazione che è sicuramente più infame di quella che ci ha lasciato il ventennio fascista - sostiene Pannella».

Il punto è che una eventuale approvazione del provvedimento di amnistia, contemplato dall'art. 79 della Costituzione italiana, richiederebbe la più ampia convergenza delle forze politiche. Dal 1992, a seguito di una legge di riforma costituzionale, l'amnistia deve essere votata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera. Tangentopoli produsse questo esito. Da allora nessuna amnistia è mai stata varata. Il 29 luglio del 2006 il Parlamento approvò, con il voto contrario di Lega e Idv e An e l'astensione del Pdci, la legge 241, l'indulto. Un voto su cui pesò l'intervento di papa Giovanni Paolo II. Un voto che, nei mesi successivi, generò critiche pesanti anche da parte di coloro che quel provvedimento lo avevano votato in Parlamento. L'indulto cancella la pena, ma lascia vivi i reati.

L'amnistia nel nostro Paese era concessa periodicamente per sfollare tribunali e prigioni. L'ultima è del 1990. La prima è del 1946; fu voluta da Palmiro Togliatti. Oggi la destra al Governo non parla di amnistia ma di progetti di edilizia penitenziaria, costosi e mai realizzati. A Sassari a costruire è Anemone. L'amnistia è una sconfitta per lo Stato. Ma a volte le sconfitte sono necessarie per rinascere e riscoprire il gusto della vittoria.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

8 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

9 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

10 L’origine dei tatuaggi e l’implicazione del carcere