Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Carceri, un'eterna telenovela senza fine

Notizia del 03/07/2011 - ROMA

Carceri, un'eterna telenovela senza fine

letto 1742 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Nel Paese che ha appena respinto la privatizzazione dell'acqua, il ritorno al nucleare e il legittimo impedimento, cosa accadrebbe se si proponesse un referendum consultivo sull'amnistia?

È ovviamente un gioco ma sarebbe utile capire come una opinione pubblica informata si pronuncerebbe su un tema così delicato e importante. Il sovraffollamento rende la vita dei detenuti tragica. Il 31 maggio scorso i reclusi erano 67.174 a fronte di una capienza regolamentare di 45.551 posti letto.

Le carceri scoppiano; nelle carceri si vive molto male. È quanto cercano di dire anche le migliaia di detenuti che da alcuni giorni, da Imperia a Trani passando per Viterbo, stanno praticando lo sciopero della fame contro le dure condizioni di vita, contro il sovraffollamento e per richiedere un provvedimento di amnistia. Una questione, quella carceraria, che non riesce a sfondare il muro dei media nazionali. Un tema che è stato sollevato con determinazione dalla compagine radicale. Lo storico leader Marco Pannella ha appena iniziato lo sciopero della sete, dopo quello della fame, proprio per attirare l'attenzione sulla drammatica situazione delle carceri italiane e per richiedere un provvedimento di amnistia. «Oggi lo Stato è fuorilegge, è un delinquente professionale: mandare in prescrizione duecentomila processi all'anno, negare il principio - esistente dai tempi del diritto romano - per cui la sentenza si ottiene in tempi reali, significa infatti negare la giustizia e riempire le carceri di detenuti che per il 40 per cento, lo dicono le statistiche, sono ancora in attesa di giudizio, una situazione che è sicuramente più infame di quella che ci ha lasciato il ventennio fascista - sostiene Pannella».

Il punto è che una eventuale approvazione del provvedimento di amnistia, contemplato dall'art. 79 della Costituzione italiana, richiederebbe la più ampia convergenza delle forze politiche. Dal 1992, a seguito di una legge di riforma costituzionale, l'amnistia deve essere votata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera. Tangentopoli produsse questo esito. Da allora nessuna amnistia è mai stata varata. Il 29 luglio del 2006 il Parlamento approvò, con il voto contrario di Lega e Idv e An e l'astensione del Pdci, la legge 241, l'indulto. Un voto su cui pesò l'intervento di papa Giovanni Paolo II. Un voto che, nei mesi successivi, generò critiche pesanti anche da parte di coloro che quel provvedimento lo avevano votato in Parlamento. L'indulto cancella la pena, ma lascia vivi i reati.

L'amnistia nel nostro Paese era concessa periodicamente per sfollare tribunali e prigioni. L'ultima è del 1990. La prima è del 1946; fu voluta da Palmiro Togliatti. Oggi la destra al Governo non parla di amnistia ma di progetti di edilizia penitenziaria, costosi e mai realizzati. A Sassari a costruire è Anemone. L'amnistia è una sconfitta per lo Stato. Ma a volte le sconfitte sono necessarie per rinascere e riscoprire il gusto della vittoria.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

5 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!