Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Carenza d'organico carcere di Capanne: il DAP scarica responsabilità sul provveditore Ilse Runsteni

Polizia Penitenziaria - Carenza d'organico carcere di Capanne: il DAP scarica responsabilità sul provveditore Ilse Runsteni


Notizia del 06/09/2013 - PERUGIA
Letto (3112 volte)
 Stampa questo articolo


Avvicendare il Provveditore penitenziario dell'Umbria, Ilse Rusteni. È quanto chiede al Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, che imputa al dirigente la responsabilità della grave situazione delle carceri umbre.
"Qualche anno fa l'apertura in fretta e furia del nuovo carcere di Perugia Capanne, poi l'apertura della nuova sezione di Spoleto e, a breve, quella di un nuovo reparto a Terni. Da un giorno all'altro l'Umbria ha visto raddoppiare il numero dei detenuti nella regione. Gli agenti di Polizia Penitenziaria, invece, sono sempre rimasti sotto organico con evidente ed inevitabile rischio per la sicurezza interna ed esterna degli istituti. Questo è il risultato della politica penitenziaria del provveditore regionale Ilse Rusteni, dopo quasi dieci anni a capo delle carceri umbre".

È quanto denunciano Donato Capece e Fabrizio Bonino, rispettivamente segretario generale e segretario regionale umbro del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, la prima e più rappresentativa Organizzazione di Categoria.

"Il carcere di Capanne non ha mai avuto un organico stabilito e quando finalmente si è riusciti ad ottenerlo il Provveditore Rusteni ha ridotto il numero proposto dal dipartimento di Roma", affermano. "Il personale di Capanne è stanco delle promesse non mantenute di integrazione del personale e la recente assegnazione di soli tre agenti, a fronte della carenza di cinquanta, ha fatto esaurire la pazienza di tutti. Di fronte alle proteste dei sindacati l'amministrazione centrale di Roma ha scaricato le responsabilità sul provveditore regionale che avrebbe ridotto l'organico previsto per Perugia e, quindi, le possibilità di assegnazione di personale.

Il Sappe, a questo punto, chiede l'immediato avvicendamento della dottoressa Rusteni perché ritiene che in Umbria ci sia bisogno di un dirigente con più stimoli e maggiori capacità manageriali. A sostegno della richiesta al Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, il primo sindacato della Polizia Penitenziaria proclama lo stato di agitazione del personale dell'Umbria e preannuncia eclatanti manifestazioni di protesta intese a richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sulla gravissima situazione del carcere di Perugia che ha un disperato bisogno di rinforzare l'organico del personale di custodia".

Il Centro

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE UMBRIA
Statistiche carceri Regione Umbria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

2 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

6 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino

9 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Noi, vittime della Torreggiani

7 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

8 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!