Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carminati fa socialità al 41-bis con mafioso collegato a Matteo Messina Denaro e il DAP interviene

Polizia Penitenziaria - Carminati fa socialità al 41-bis con mafioso collegato a Matteo Messina Denaro e il DAP interviene


Notizia del 29/09/2016 - PARMA
Letto (4048 volte)
 Stampa questo articolo


«Come è potuto accadere che Massimo Carminati, imputato principale nel processo per "mafia Capitale", si ritrovi nel supercarcere di Parma a condividere le sue ore di socialità con un capomafia direttamente legato al latitante Matteo Messina Denaro?». Se lo chiede il vicepresidente della Commissione nazionale antimafia Claudio Fava dopo aver appreso dalla pubblicazione dell'Espresso delle intercettazioni tra il Cecato e il boss di Cosa nostra.

L'ESPRESSO: Massimo Carminati: "Tornerò da re a Roma"

«Giulio Caporrimo, capo della famiglia di San Lorenzo e uomo di fiducia di Messina Denaro, raccoglie in carcere le confidenze, i progetti e le minacce di Carminati, nonostante il regime del 41 bis dovrebbe impedire proprio questo tipo di contiguità. È una svista? Una sottovalutazione? Un'altra, dopo le lunghe confidenze scambiate in carcere tra Riina e Lorusso? Lo chiederemo al ministro della giustizia Orlando», conclude Claudio Fava.

espresso.repubblica.it

 

Nel caso di "Massimo Carminati, come di molti altri detenuti appartenenti al regime speciale, l'assegnazione all'Istituto di Parma è stata preventivamente concordata con le Procure Distrettuali Antimafia competenti e con la Direzione Nazionale Antimafia". E "parimenti è stata concordata" con Dna la formazione dei gruppi di socialità, informando anche la Procura di Roma.

E' quanto precisa il Dap, Dipartimento amministrazione penitenziaria, in merito a quanto scritto dall'Espresso, che ha denunciato come Carminati, imputato principale nel processo Mafia capitale, sia detenuto nel supercarcere di Parma in regime di 41 bis e condivida le sue ore di socialità con Giulio Caporrimo, boss di Cosa nostra legato al latitante Matteo Messina Denaro. Una vicenda su cui ieri è intervenuto anche il vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia Claudio Fava. "Il 19 marzo 2015 - spiega il Dap in una nota - Carminati veniva sorpreso mentre dalla propria cella, rivolgendosi verso quella limitrofa di altro compagno appartenente al medesimo gruppo di socialità, pronunziava alcune frasi che sono state puntualmente e doverosamente annotate dal personale in servizio presso l'istituto di Parma. Quella relazione è stata immediatamente trasmessa alle competenti autorità giudiziarie ed è confluita agli atti del processo". L'assegnazione dei detenuti in regime di 41 bis"è disposta dalla Direzione Generale dei Detenuti e del Trattamento". 

Per Carminati come per altri, l'assegnazione a Parma è stata concordata con la la Direzione Nazionale Antimafia e "a questo scopo, da ultimo in data 4 maggio 2015, si è tenuta presso la Dna una riunione relativa, tra l'altro, alla allocazione di taluni detenuti presso la nuova struttura di Sassari, che sarebbe stata aperta da lì a breve". Con le autorità giudiziarie è stata concordata anche la formazione dei gruppi di socialità, che per i 41 bis "viene preventivamente trasmessa alla DNA per ogni eventuale osservazione". In particolare, per Carminati "l'indicazione del gruppo di socialità è stata formulata con nota del 13 gennaio 2015, diretta oltre che al Procuratore Nazionale Antimafia, anche al Procuratore della Repubblica di Roma".

antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

9 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

10 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria