Novembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2017  
  Archivio riviste    
Carminati voleva aprire una mensa a Rebibbia per dare lavoro ad altri detenuti

Polizia Penitenziaria - Carminati voleva aprire una mensa a Rebibbia per dare lavoro ad altri detenuti


Notizia del 10/12/2014 - ROMA
Letto (1532 volte)
 Stampa questo articolo


Anche Carminati progettava di creare una mensa a Rebibbia. Tra le cooperative che in questi anni hanno assunto detenuti o ex detenuti ci sono le coop riconducibili a Salvatore Buzzi, considerato il braccio destro dell'ex Nar Massimo Carminati.

Tutti i detenuti condannati in via definitiva dovrebbero poter lavorare. Lo dice l'ordinamento penitenziario, lo vuole la costituzione che all'art. 27 afferma che il carcere deve tendere alla rieducazione del condannato. Purtroppo l'amministrazione penitenziaria non ha soldi a sufficienza per pagare tutti i detenuti che dentro il carcere fanno i lavori domestici, come pulire, cucinare, o fare la manutenzione ordinaria. Il risultato è che il 75% dei detenuti non lavora e per una coincidenza il 70% di quelli che escono dal carcere torna a delinquere.

La soluzione adottata dagli anni 2000 in poi dai vari governi è stata quella di incentivare le cooperative ad entrare dentro il carcere e ad assumere i detenuti, in cambio di agevolazioni fiscali. Questo ha permesso di creare delle eccellenze dentro le carceri, pasticcerie, torrefazioni, falegnamerie, ma a conti fatti i detenuti oggi coinvolti e assunti da imprese sono solo il 4% del totale. Per tutti gli altri il problema resta.

Tra le cooperative poi che in questi anni hanno assunto detenuti o ex detenuti ci sono la coop Formula sociale o la coop 29 giugno riconducibili a Salvatore Buzzi, arrestato pochi giorni fa perché considerato il braccio destro dell'ex Nar Massimo Carminati, leader di mafia capitale. Era il 1985 quando Buzzi fondava la coop 29 giugno grazie anche al contributo di Angiolo Marroni, allora vicepresidente della provincia di Roma e oggi Garante dei detenuti del Lazio (lui non è tra gli indagati).

Tra i progetti che l'organizzazione criminale stava pianificando all'inizio del 2014 c'era anche la creazione di un centro cottura all'interno del femminile di Rebibbia per far lavorare le detenute. L'imprenditore che avrebbe dovuto realizzare la mensa era Giuseppe Ietto, ma anche lui è stato arrestato. Intanto in altri paesi europei il sistema carcere è organizzato diversamente. Per esempio in Austria il carcere funziona come un'azienda e fa da contoterzista per ditte private, che però non entrano dentro il carcere e che pagano l'amministrazione per il lavoro svolto. Il detenuto che lavora viene retribuito ma l'amministrazione trattiene il 75% della sua remunerazione come spesa di mantenimento. In questo modo riescono a far lavorare il 60% e a volte anche il 70% dei detenuti. Una cosa del genere non si potrebbe fare anche in Italia? In modo da far lavorare il maggior numero di detenuti possibile? In cambio l'amministrazione potrebbe concedere al detenuto, che lavora e impara un mestiere, dei benefici come permessi premio e sconti di pena. Ne abbiamo parlato nell'inchiesta "Il risarcimento" di Claudia Di Pasquale e Giuliano Marrucci.

Corriere della Sera

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Detenuto infilza due Poliziotti penitenziari con un tubo divelto dal bagno: colpiti alla schiena e al braccio

2 Il video di Michele Zagaria in carcere al 41-bis registrato durante il colloquio con le donne arrestate oggi

3 Pasquale Zagaria durante i colloqui in carcere: figli minorenni per veicolare i messaggi da inviare al clan dei Casalesi

4 Detenuti o in misura alternativa al lavoro nei Tribunali. Sappe: non sarebbe meglio impiegarli in altri lavori?

5 Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra

6 Condannato a sei mesi il detenuto che sferrò un pugno ad Agente penitenziario

7 Scuola superiore dell''amministrazione penitenziaria di Roma intitolata alla memoria di Piersanti Mattarella

8 Morte di Riina, le reazioni dei boss in carcere al 41-bis: abiti scuri e risate

9 Molestie sessuali nel carcere di Benevento: detenuto riceve ulteriore custodia cautelare per abusi sul compagno di cella

10 Carcere di Vasto, crolla la porta carraia: Sappe denuncia situazione insostenibile per la Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Assistente Capo della Polizia Penitenziaria si è suicidato con la pistola d''ordinanza nel carcere di Tolmezzo

2 L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

3 Al Dap, come al solito, predicano bene e razzolano male

4 DIA e NIC della Polizia Penitenziaria smantellano struttura del casalesi utilizzata per recapitare lo stipendio ai detenuti

5 Finalmente il DAP ammette la propria inettitudine. " ... siamo sterili, fini a noi stessi e senza obiettivi.”

6 In corso operazione del NIC della Polizia Penitenziaria: arrestate le mogli dei fratelli del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria

7 Istituire un Dipartimento Esecuzione Penale e, se serve, diventare Polizia di Stato

8 Polizia Penitenziaria arresta islamico in carcere il giorno della sua scarcerazione: algerino istigava altri detenuti al jihad nel penitenziario di Nuoro

9 Ho visto cose che voi umani …

10 L’isola di Pianosa: detenuti nel mare protetto