Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello

Polizia Penitenziaria - Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello


Notizia del 25/01/2015 - TRIESTE
Letto (1393 volte)
 Stampa questo articolo


Si sono proclamati davanti al giudice «mortificati». Non prima di aver restituito tutto alle loro vittime.

Alla fine i fratelli Igor e Salvatore Monaca, siciliani di 28 e 32 anni, il primo di professione poliziotto penitenziario al Coroneo e il secondo residente nell’Isontino, nei guai nel 2014 per aver fatto shopping con carte di credito clonate in diverse gioiellerie triestine e regionali per quasi 20.000 euro, hanno patteggiato rispettivamente un anno e nove mesi e un anno e mezzo, entrambi con la condizionale.

La pena è stata concordata l’altro giorno, davanti al gup Luigi Dainotti, dal loro avvocato di fiducia, Marco Mizzon del foro di Gorizia, e dal pubblico ministero Pietro Montrone, che aveva contestato loro l’utilizzo illecito di documenti di credito in concorso.

Si chiude così la brutta storia dell’insospettabile agente penitenziario che, con suo fratello, in due giorni, a metà marzo 2014, aveva fatto spese su spese con alcune carte di credito clonate di cui, secondo le indagini della Squadra mobile, erano riusciti a “catturare” i codici su internet.

Ventitre le transazioni posticce, “catalogate” sotto il capo d’accusa, nelle quali erano rimaste coinvolte cinque gioiellerie (“Stroili” di via San Nicolò, “Pomod’oro” di Sistiana, “Gerometta” di Gradisca, “Osso” di Palmanova e “Borgia” di Ronchi) più il negozio di Swarowski e quello di videogames (“Eb Games”) alle Torri d’Europa, dove avevano strisciato un acquisto da quasi 650 euro.

Tutto per loro era filato liscio finché, proprio alla gioielleria “Borgia” di Ronchi, il sistema aveva rifiutato il pagamento.

Il titolare del negozio si era insospettito e aveva chiamato la polizia. Ai poliziotti della Volante di Monfalcone uno dei due, appunto, aveva detto: «Sono un collega della penitenziaria». Quella frase non gli aveva evitato che scattassero i controlli. Dai quali erano emerse, come detto, varie strisciate, tutte concentrate in due giornate. Dodici erano state tentate, ed erano dunque inizialmente “riuscite”, con due American Express “replicate”, per acquisti dai 400 ai 2.500 euro. Le altre portavano il marchio, fasullo a loro volta, di CartaSì.

ilpiccolo.gelocal.it

Agente penitenziario a processo: faceva acquisti con carta di credito clonata, 20mila euro in due giorni

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA