Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello

Polizia Penitenziaria - Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello


Notizia del 25/01/2015 - TRIESTE
Letto (1521 volte)
 Stampa questo articolo


Si sono proclamati davanti al giudice «mortificati». Non prima di aver restituito tutto alle loro vittime.

Alla fine i fratelli Igor e Salvatore Monaca, siciliani di 28 e 32 anni, il primo di professione poliziotto penitenziario al Coroneo e il secondo residente nell’Isontino, nei guai nel 2014 per aver fatto shopping con carte di credito clonate in diverse gioiellerie triestine e regionali per quasi 20.000 euro, hanno patteggiato rispettivamente un anno e nove mesi e un anno e mezzo, entrambi con la condizionale.

La pena è stata concordata l’altro giorno, davanti al gup Luigi Dainotti, dal loro avvocato di fiducia, Marco Mizzon del foro di Gorizia, e dal pubblico ministero Pietro Montrone, che aveva contestato loro l’utilizzo illecito di documenti di credito in concorso.

Si chiude così la brutta storia dell’insospettabile agente penitenziario che, con suo fratello, in due giorni, a metà marzo 2014, aveva fatto spese su spese con alcune carte di credito clonate di cui, secondo le indagini della Squadra mobile, erano riusciti a “catturare” i codici su internet.

Ventitre le transazioni posticce, “catalogate” sotto il capo d’accusa, nelle quali erano rimaste coinvolte cinque gioiellerie (“Stroili” di via San Nicolò, “Pomod’oro” di Sistiana, “Gerometta” di Gradisca, “Osso” di Palmanova e “Borgia” di Ronchi) più il negozio di Swarowski e quello di videogames (“Eb Games”) alle Torri d’Europa, dove avevano strisciato un acquisto da quasi 650 euro.

Tutto per loro era filato liscio finché, proprio alla gioielleria “Borgia” di Ronchi, il sistema aveva rifiutato il pagamento.

Il titolare del negozio si era insospettito e aveva chiamato la polizia. Ai poliziotti della Volante di Monfalcone uno dei due, appunto, aveva detto: «Sono un collega della penitenziaria». Quella frase non gli aveva evitato che scattassero i controlli. Dai quali erano emerse, come detto, varie strisciate, tutte concentrate in due giornate. Dodici erano state tentate, ed erano dunque inizialmente “riuscite”, con due American Express “replicate”, per acquisti dai 400 ai 2.500 euro. Le altre portavano il marchio, fasullo a loro volta, di CartaSì.

ilpiccolo.gelocal.it

Agente penitenziario a processo: faceva acquisti con carta di credito clonata, 20mila euro in due giorni

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto