Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello

Polizia Penitenziaria - Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello


Notizia del 25/01/2015 - TRIESTE
Letto (1691 volte)
 Stampa questo articolo


Si sono proclamati davanti al giudice «mortificati». Non prima di aver restituito tutto alle loro vittime.

Alla fine i fratelli Igor e Salvatore Monaca, siciliani di 28 e 32 anni, il primo di professione poliziotto penitenziario al Coroneo e il secondo residente nell’Isontino, nei guai nel 2014 per aver fatto shopping con carte di credito clonate in diverse gioiellerie triestine e regionali per quasi 20.000 euro, hanno patteggiato rispettivamente un anno e nove mesi e un anno e mezzo, entrambi con la condizionale.

La pena è stata concordata l’altro giorno, davanti al gup Luigi Dainotti, dal loro avvocato di fiducia, Marco Mizzon del foro di Gorizia, e dal pubblico ministero Pietro Montrone, che aveva contestato loro l’utilizzo illecito di documenti di credito in concorso.

Si chiude così la brutta storia dell’insospettabile agente penitenziario che, con suo fratello, in due giorni, a metà marzo 2014, aveva fatto spese su spese con alcune carte di credito clonate di cui, secondo le indagini della Squadra mobile, erano riusciti a “catturare” i codici su internet.

Ventitre le transazioni posticce, “catalogate” sotto il capo d’accusa, nelle quali erano rimaste coinvolte cinque gioiellerie (“Stroili” di via San Nicolò, “Pomod’oro” di Sistiana, “Gerometta” di Gradisca, “Osso” di Palmanova e “Borgia” di Ronchi) più il negozio di Swarowski e quello di videogames (“Eb Games”) alle Torri d’Europa, dove avevano strisciato un acquisto da quasi 650 euro.

Tutto per loro era filato liscio finché, proprio alla gioielleria “Borgia” di Ronchi, il sistema aveva rifiutato il pagamento.

Il titolare del negozio si era insospettito e aveva chiamato la polizia. Ai poliziotti della Volante di Monfalcone uno dei due, appunto, aveva detto: «Sono un collega della penitenziaria». Quella frase non gli aveva evitato che scattassero i controlli. Dai quali erano emerse, come detto, varie strisciate, tutte concentrate in due giornate. Dodici erano state tentate, ed erano dunque inizialmente “riuscite”, con due American Express “replicate”, per acquisti dai 400 ai 2.500 euro. Le altre portavano il marchio, fasullo a loro volta, di CartaSì.

ilpiccolo.gelocal.it

Agente penitenziario a processo: faceva acquisti con carta di credito clonata, 20mila euro in due giorni

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)