Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello

Polizia Penitenziaria - Carte di credito clonate: patteggia un anno e nove mesi il Poliziotto penitenziario arrestato insieme al fratello


Notizia del 25/01/2015 - TRIESTE
Letto (1562 volte)
 Stampa questo articolo


Si sono proclamati davanti al giudice «mortificati». Non prima di aver restituito tutto alle loro vittime.

Alla fine i fratelli Igor e Salvatore Monaca, siciliani di 28 e 32 anni, il primo di professione poliziotto penitenziario al Coroneo e il secondo residente nell’Isontino, nei guai nel 2014 per aver fatto shopping con carte di credito clonate in diverse gioiellerie triestine e regionali per quasi 20.000 euro, hanno patteggiato rispettivamente un anno e nove mesi e un anno e mezzo, entrambi con la condizionale.

La pena è stata concordata l’altro giorno, davanti al gup Luigi Dainotti, dal loro avvocato di fiducia, Marco Mizzon del foro di Gorizia, e dal pubblico ministero Pietro Montrone, che aveva contestato loro l’utilizzo illecito di documenti di credito in concorso.

Si chiude così la brutta storia dell’insospettabile agente penitenziario che, con suo fratello, in due giorni, a metà marzo 2014, aveva fatto spese su spese con alcune carte di credito clonate di cui, secondo le indagini della Squadra mobile, erano riusciti a “catturare” i codici su internet.

Ventitre le transazioni posticce, “catalogate” sotto il capo d’accusa, nelle quali erano rimaste coinvolte cinque gioiellerie (“Stroili” di via San Nicolò, “Pomod’oro” di Sistiana, “Gerometta” di Gradisca, “Osso” di Palmanova e “Borgia” di Ronchi) più il negozio di Swarowski e quello di videogames (“Eb Games”) alle Torri d’Europa, dove avevano strisciato un acquisto da quasi 650 euro.

Tutto per loro era filato liscio finché, proprio alla gioielleria “Borgia” di Ronchi, il sistema aveva rifiutato il pagamento.

Il titolare del negozio si era insospettito e aveva chiamato la polizia. Ai poliziotti della Volante di Monfalcone uno dei due, appunto, aveva detto: «Sono un collega della penitenziaria». Quella frase non gli aveva evitato che scattassero i controlli. Dai quali erano emerse, come detto, varie strisciate, tutte concentrate in due giornate. Dodici erano state tentate, ed erano dunque inizialmente “riuscite”, con due American Express “replicate”, per acquisti dai 400 ai 2.500 euro. Le altre portavano il marchio, fasullo a loro volta, di CartaSì.

ilpiccolo.gelocal.it

Agente penitenziario a processo: faceva acquisti con carta di credito clonata, 20mila euro in due giorni

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

2 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

3 Detenuta evade dal cancello principale del carcere di Rebibbia: era appena arrivata

4 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

5 Pentito rivela: tutti i detenuti hanno un coltello nel carcere di Reggio Emila

6 DAP autorizza visite dei Radicali in 35 carceri per la prossima settimana

7 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

8 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare

9 Anziano sorpreso a tagliare le piante davanti al carcere: la figlia non riusciva a parlare bene con il marito detenuto

10 Detenuti ottenevano misure alternative per lavorare, ma le ditte erano false e il lavoro inesistente


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Detenuta arriva in carcere ma si nasconde tra la folla ed evade da Rebibbia

3 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996

7 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

8 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei funzionari del Corpo e ispettori-funzionari. Ma i dirigenti penitenziari e gli altri funzionari civili, saranno contenti?

9 Scomparso stamattina a Roma il Professor Lionello Pascone, generale in congedo del Corpo di Polizia Penitenziaria

10 Riforma penitenziaria di fine legislatura, che forse favorisce solo il solito Gattopardo