È successo un casino, i ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato". Con queste parole, e le mani sulla fronte, il maresciallo Roberto Mandolini si confidò nell'ottobre del 2009 con l'appunt" />

  Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi:


Notizia del 15/05/2018 - ROMA
Letto (1870 volte)
 Stampa questo articolo


È successo un casino, i ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato". Con queste parole, e le mani sulla fronte, il maresciallo Roberto Mandolini si confidò nell'ottobre del 2009 con l'appuntato scelto dei carabinieri, Riccardo Casamassima, diventato poi il teste chiave dell'inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi. I due colleghi scambiarono poche parole prima che Mandolini si precipitasse a parlare, nella stazione di Tor Vergata, con il comandante Enrico Mastronardi, suo superiore.

I ragazzi a cui faceva riferimento Mandolini erano altri carabinieri, e la vittima delle botte Cucchi, che arrestato per spaccio la sera del 15 ottobre di quell'anno, sarebbe morto il 22 nell'ospedale Sandro Pertini di Roma.

Casamassima è stato sentito stamani nell'aula della prima Corte d'Assise di Roma, testimone al processo che vede alla sbarra cinque carabinieri tra i quali lo stesso Mandolini. "Io non assistetti al colloquio tra Mandolini e Mastronardi, ma seppi cosa si dissero da quella che è poi diventata la mia compagna, Maria Rosati, che assistette al colloquio perché era autista di Mastronardi - ha spiegato Casamassima -. Avevano deciso, e stavano cercando, di scaricare le responsabilità dei carabinieri sulla Polizia Penitenziaria. Lei capì il nome Cucchi ma all'epoca non era una vicenda nota perché non era morto".

Casamassima ha raccontato che qualche giorno dopo la morte di Stefano Cucchi incontrò il figlio di Mastronardi, Sabatino, "con il quale ebbi uno scambio confidenziale: anche lui si portò la mano sulla fronte e parlando della morte di Cucchi, disse che lo aveva visto la sera dell'arresto, nella caserma di Tor Sapienza, dopo il pestaggio, e non aveva mai visto una persona così messa male".

Alla domanda del pm Giovanni Musarò sul perché abbia deciso di parlare solo dopo quattro anni e mezzo dall'omicidio Casamassima risponde: "All'inizio la vicenda Cucchi non mi aveva visto coinvolto in prima persona, ma troppe cose non mi erano piaciute fatte dai miei superiori, come l'abitudine di falsificare i verbali. Ho deciso di rendere testimonianza, perché mi vergognavo di ciò che sentivo è vedevo. Ma temevo ritorsioni che poi, puntualmente, si sono verificate".

"Quando è uscito il mio nome sui giornali, i superiori hanno cominciato ad avviare procedimenti disciplinari nei miei confronti, tutti pretestuosi - ha aggiunto-. Con Mandolini mi sono incrociato una mattina nell'ottobre del 2016: ci siamo guardati male, poi io gli ho detto di andare a parlare col pm per dire quello che sapeva perché le indagini della procura stavano andando avanti. Lui mi ha risposto dicendomi che il pm ce l'aveva a morte con lui, e la conversazione si è chiusa lì". 

"Ritengo il maresciallo Mandolini il principale responsabile morale di questi anni di attesa della verità". Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, ha commentato la questione a margine dell'udienza in Corte d'Assise. "Tanti, troppi anni fa, vidi Roberto Mandolini, nel primo processo per la morte di Stefano, il processo sbagliato - aggiunge -. Raccontò che la sera dell'arresto di Stefano era stata piacevole e mio fratello era stato simpatico. Oggi ascolto tutta un'altra storia, dopo che per anni io e la mia famiglia abbiamo rincorso la verità". Poi ha continuato: "Sono provata, ho la pelle d'oca, ma finalmente ho la speranza che emerga la verità. È inaccettabile che qualcuno abbia fin dall'inizio cercato di coprire quanto accaduto".

Sono cinque i carabinieri coinvolti nel processo sulla morte del geometra romano in corso davanti alla prima Corte d'Assise del tribunale di Roma: Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro, Francesco Tedesco, rispondono di omicidio preterintenzionale. Tedesco risponde anche di falso nella compilazione del verbale di arresto di Cucchi e calunnia insieme al maresciallo Roberto Mandolini, all'epoca dei fatti a capo della stazione Appia, dove venne eseguito l'arresto. Vincenzo Nicolardi, anche lui carabiniere, è accusato di calunnia con gli altri due, nei confronti degli agenti di Polizia Penitenziaria che vennero accusati nel corso della prima inchiesta sul caso.


Fonte:lapresse.it
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto