Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, Cassazione: processo da rifare per il Direttore del PRAP

Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, Cassazione: processo da rifare per il Direttore del PRAP


Notizia del 21/01/2014 - ROMA
Letto (1769 volte)
 Stampa questo articolo


Ci sono dei "vizi" in alcuni passaggi della sentenza di assoluzione in appello di Claudio Marchiandi, direttore dell'ufficio detenuti e del trattamento del Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria (Prap), dai reati di falso in atto pubblico, abuso di ufficio e favoreggiamento nel caso della morte di Stefano Cucchi.

Per questo la Cassazione ha disposto un nuovo processo davanti ad un'altra sezione della Corte d'Appello, che "in piena libertà" dovrà "sorreggere il deliberato con motivazione conforme alle regole della logica e del diritto". La quinta sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso del Pg della Corte d'Appello di Roma contro i "capisaldi" della sentenza di assoluzione, che aveva ribaltato la condanna che gli era stata comminata con rito abbreviato.

L'accusa nei confronti di Marchiandi era quella di avere concorso alla "falsa rappresentazione" delle reali condizioni di Stefano Cucchi, attestando che fossero meno gravi di quelle che erano in realtà, per consentire il suo ricovero al "Pertini" nell'ottobre del 2009 e di avere abusato del suo ufficio redigendo personalmente in ospedale in orario extra lavorativo la richiesta di disponibilità del posto letto, aiutando così gli agenti della penitenziaria ad eludere le investigazioni. Secondo la Cassazione - sentenza n. 2252, udienza del 17 ottobre 2013 - la corte d'appello avrebbe dovuto, come richiesto dalla procura generale nel ricorso, soffermarsi "sul protocollo della struttura complessa di medicina protetta", sottoscritto tra il provveditorato per le carceri e la Asl, che secondo l'accusa prevedeva solo ricoveri programmabili, escludendo invece i pazienti "in situazione di acuzie", come Cucchi.

Inoltre, secondo la Corte non si può escludere, in base a quanto emerso nel processo - come invece hanno ritenuto i giudici di appello - che il dirigente fosse a conoscenza, seppure indirettamente (perché non lo aveva mai incontrato) delle reali situazioni di salute del detenuto. Infine, la Corte rileva come "non sia conforme a logica sostenere che il ricovero in uno struttura protetta comporti un'attenuazione dello stato di isolamento del detenuto", e che pertanto sarebbe stato illogico esporre Stefano dopo le presunte percosse subite a più sguardi, poiché la sicurezza dei reparti viene in questi casi comunque affidata alla Polizia Penitenziaria "in misura non diversa da quella che caratterizza gli istituti penitenziari".

ANSA

Caso Cucchi: assolto in appello il funzionario medico del PRAP di Roma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946