Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, Cassazione: processo da rifare per il Direttore del PRAP

Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, Cassazione: processo da rifare per il Direttore del PRAP


Notizia del 21/01/2014 - ROMA
Letto (1704 volte)
 Stampa questo articolo


Ci sono dei "vizi" in alcuni passaggi della sentenza di assoluzione in appello di Claudio Marchiandi, direttore dell'ufficio detenuti e del trattamento del Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria (Prap), dai reati di falso in atto pubblico, abuso di ufficio e favoreggiamento nel caso della morte di Stefano Cucchi.

Per questo la Cassazione ha disposto un nuovo processo davanti ad un'altra sezione della Corte d'Appello, che "in piena libertà" dovrà "sorreggere il deliberato con motivazione conforme alle regole della logica e del diritto". La quinta sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso del Pg della Corte d'Appello di Roma contro i "capisaldi" della sentenza di assoluzione, che aveva ribaltato la condanna che gli era stata comminata con rito abbreviato.

L'accusa nei confronti di Marchiandi era quella di avere concorso alla "falsa rappresentazione" delle reali condizioni di Stefano Cucchi, attestando che fossero meno gravi di quelle che erano in realtà, per consentire il suo ricovero al "Pertini" nell'ottobre del 2009 e di avere abusato del suo ufficio redigendo personalmente in ospedale in orario extra lavorativo la richiesta di disponibilità del posto letto, aiutando così gli agenti della penitenziaria ad eludere le investigazioni. Secondo la Cassazione - sentenza n. 2252, udienza del 17 ottobre 2013 - la corte d'appello avrebbe dovuto, come richiesto dalla procura generale nel ricorso, soffermarsi "sul protocollo della struttura complessa di medicina protetta", sottoscritto tra il provveditorato per le carceri e la Asl, che secondo l'accusa prevedeva solo ricoveri programmabili, escludendo invece i pazienti "in situazione di acuzie", come Cucchi.

Inoltre, secondo la Corte non si può escludere, in base a quanto emerso nel processo - come invece hanno ritenuto i giudici di appello - che il dirigente fosse a conoscenza, seppure indirettamente (perché non lo aveva mai incontrato) delle reali situazioni di salute del detenuto. Infine, la Corte rileva come "non sia conforme a logica sostenere che il ricovero in uno struttura protetta comporti un'attenuazione dello stato di isolamento del detenuto", e che pertanto sarebbe stato illogico esporre Stefano dopo le presunte percosse subite a più sguardi, poiché la sicurezza dei reparti viene in questi casi comunque affidata alla Polizia Penitenziaria "in misura non diversa da quella che caratterizza gli istituti penitenziari".

ANSA

Caso Cucchi: assolto in appello il funzionario medico del PRAP di Roma

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

9 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono