Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, il PM: scientifica strategia per sviare le indagini dai Carabinieri

Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, il PM: scientifica strategia per sviare le indagini dai Carabinieri


Notizia del 14/12/2015 - ROMA
Letto (2047 volte)
 Stampa questo articolo


A picchiare Stefano Cucchi furono tre carabinieri "Raffaele D'Alessandro, Alessio Di Bernardo e Francesco Tedesco". Per quanto riguarda il momento delle presunte violenze, la Procura di Roma scrive: "Il pestaggio avvenne in un arco temporale certamente successivo alla perquisizione domiciliare eseguita nell'abitazione dei genitori".

Riguardo ai motivi che innescarono l'azione dei carabinieri, invece, il pm scrive che "il pestaggio fu originato da una condotta da resistenza posta in essere dall'arrestato al momento del fotosegnalamento presso i locali della compagnia carabinieri Roma Casilina, dove subito dopo la perquisizione domiciliare Cucchi era stato condotto". Gravi sembrerebbero anche le operazioni messe in atto dai militari per coprire quanto accaduto.

"Fu scientificamente orchestrata una strategia finalizzata a ostacolare l'esatta ricostruzione dei fatti e l'identificazione dei responsabili per allontanare i sospetti dai carabinieri appartenenti al comando stazione Appia", sostiene ancora la procura. Nello specifico, insiste il pm, "non si diede atto della presenza dei carabinieri Raffaele D'Alessandro e di Alessio Di Bernardo nelle fasi dell'arresto di Stefano Cucchi".

Infatti "il nominativo dei due militari infatti non compariva nel verbale di arresto, pure essendo gli stessi pacificamente intervenuti già al momento dell'arresto di Cucchi e pur avendo partecipato a tutti gli atti successivi". Un fatto anomalo al quale si aggiunge un'altra circostanza che sembrerebbe volta ad un tentativo di allontanare ogni sospetto dagli indagati.

"Fu cancellata inoltre ogni traccia di passaggio di Cucchi dalla compagnia Casilina per gli accertamenti fotosegnaletici e dattiloscopici al punto che fu contraffatto con bianchetto il registro delle persone sottoposte a fotosegnalamento". Inoltre, si legge ancora, che "nel verbale di arresto non si diede atto del mancato fotosegnalamento" e che Stefano Cucchi "non non fu arrestato in flagranza per il delitto di resistenza a pubblico ufficiale perpetrato presso i locali della compagnia carabinieri di Roma Casilina".

Non "fu denunciato per tale delitto, omissione che può ragionevolmente spiegarsi solo con il fine di non fornire agli inquirenti alcun elemento che potesse spostare l'attenzione investigativa sui militari del comando stazione carabinieri di Roma Appia". Quanto accaduto nella stazione Casilina, aggiunge il pm, "fu taciuto agli altri Carabinieri che avevano partecipato all'arresto di Stefano Cucchi".

askanews.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

10 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore