Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Caso Cucchi, legali della famiglia: agli agenti della Polizia Penitenziaria andava contestato omicidio preterintenzionale

Polizia Penitenziaria - Caso Cucchi, legali della famiglia: agli agenti della Polizia Penitenziaria andava contestato omicidio preterintenzionale


Notizia del 11/04/2013 - ROMA
Letto (2057 volte)
 Stampa questo articolo


Sbagliata tutta l'impostazione dell'accusa. Per i legali della famiglia Cucchi, agli agenti della penitenziaria andava contestato l'omicidio preterintenzionale e non le lesioni. Perché Stefano non era "un morto che camminava". Stefano, ha detto l'avvocato di parte civile nella sua requisitoria, era un "ragazzo magro che assumeva stupefacenti ma non un tossicodipendente all'ultimo stadio".

Si è scagliato contro i pm l’avvocato della famiglia, Alessandro Gamberini, definendo «squilibrata» l’imputazione che appesantisce la posizione dei medici e alleggerisce quella degli agenti penitenziari. E invece Cucchi, secondo il legale ieri ha esposto le sue conclusioni davanti alla terza corte d’Assise di Roma, fu prima «pestato nelle aule di tribunale» poi assistito da personale medico «negligente e incapace».

Una ricostruzione dei fatti diversa da quella fatta dalla procura che ha «provocato un dissesto tra parte civile e pm» che due giorni fa hanno chiesto condanne dai due ai sei anni per tutti gli imputati. Ma per la famiglia di Stefano Cucchi, come ripetuto più volte, tutto l’impianto accusatorio ha qualcosa che non va. I genitori del ragazzo morto nel 2009, Giovanni e Rita Calore, hanno comunque chiesto una provvisionale da 600mila euro ai 12 imputati. Centomila, invece, li ha chiesti il Campidoglio, auspicando la condanna, per i danni subiti: «Stefano Cucchi — ha detto l’avvocato Enrico Maggiore — avrebbe avuto diritto a chiedere e beneficiare dei servizi della comunità».

roma.repubblica.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

5 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

6 La perquisizione straordinaria

7 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

8 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)