Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Catturati i due detenuti evasi da Expo: lavoravano come manutentori e non erano rientrati al carcere di Opera

Polizia Penitenziaria - Catturati i due detenuti evasi da Expo: lavoravano come manutentori e non erano rientrati al carcere di Opera


Notizia del 30/09/2015 - MILANO
Letto (2164 volte)
 Stampa questo articolo


Erano spariti da una settimana, dopo avere ottenuto un lavoro come manutentori all'interno di Expo. Samuel Ferrera, 26 anni di Cantù e Vito Lanzillotti, 42 anni di Taranto, non avevano più fatto rientro alla sera nel carcere di Opera, dove erano detenuti.

Entrambi avevano ottenuto la misura alternativa del lavoro esterno: Ferrario da inizio settembre, mentre Lanzillotti da luglio. Facevano parte di un gruppo di detenuti che, per caratteristiche comportamentali positive e per periodo di pena già scontata, avevano ottenuto il diritto a svolgere un lavoro al di fuori del carcere, con uscita mattutina, rientro serale e un percorso fisso dal quale non potevano sgarrare.

Un privilegio concesso a pochi, per il quale ci sono richieste ben superiori alle possibilità di impiego esterno. Ma martedì della scorsa settimana, a Opera non li hanno più rivisti. Sono stati ritrovati ieri, al termine delle indagini condotte dalla Polizia Penitenziaria della casa di reclusione milanese, che ha organizzato una sorte di task force per arrivare a individuare il loro nascondiglio. Per localizzarli, gli agenti sono riusciti a risalire a un telefono che i due avevano ottenuto in uso, le cui mappature negli ultimi giorni si erano concentrate nella zona di Lomazzo.

A quel punto le pattuglie hanno iniziato una serie di appostamenti, sia in auto che a piedi, per cercare di localizzare i due detenuti, che si riteneva fossero ancora in zona. Un servizio nel quale sono stati coinvolti polizia e carabinieri, riuscendo a ritrovare i due uomini di cui conoscevano bene i volti. Per primo è stato notato Lanzillotti, fermato mentre stava per salire su un treno diretto a Milano: con lui c'era anche un secondo uomo che tuttavia, più veloce a rendersi conto della presenza delle forze di polizia, è scappato a piedi.

Si trattava di un parente del secondo evaso, che tuttavia è stato rintracciato e identificato poco più tardi, nella sua abitazione di Lomazzo, dove c'era anche Samuel Ferrera. Mentre i due ricercati venivano arrestati e portati in carcere al Bassone, in attesa della decisione del magistrato di turno della Procura di Como, Massimo Astori, il parente di Ferrera è stato denunciato a piede libero, per violazione di una misura di sicurezza a cui era sottoposto, che prevedeva il divieto di dimora a Lomazzo, dove invece è stato trovato. Ora sono in attesa dell'interrogatorio di convalida dell'arresto, in seguito al quale gli atti saranno trasmessi alla Procura di Milano, competente per territorio in quanto l'evasione è materialmente avvenuta a Opera.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?