Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Catturati i due detenuti evasi da Expo: lavoravano come manutentori e non erano rientrati al carcere di Opera

Polizia Penitenziaria - Catturati i due detenuti evasi da Expo: lavoravano come manutentori e non erano rientrati al carcere di Opera


Notizia del 30/09/2015 - MILANO
Letto (2210 volte)
 Stampa questo articolo


Erano spariti da una settimana, dopo avere ottenuto un lavoro come manutentori all'interno di Expo. Samuel Ferrera, 26 anni di Cantù e Vito Lanzillotti, 42 anni di Taranto, non avevano più fatto rientro alla sera nel carcere di Opera, dove erano detenuti.

Entrambi avevano ottenuto la misura alternativa del lavoro esterno: Ferrario da inizio settembre, mentre Lanzillotti da luglio. Facevano parte di un gruppo di detenuti che, per caratteristiche comportamentali positive e per periodo di pena già scontata, avevano ottenuto il diritto a svolgere un lavoro al di fuori del carcere, con uscita mattutina, rientro serale e un percorso fisso dal quale non potevano sgarrare.

Un privilegio concesso a pochi, per il quale ci sono richieste ben superiori alle possibilità di impiego esterno. Ma martedì della scorsa settimana, a Opera non li hanno più rivisti. Sono stati ritrovati ieri, al termine delle indagini condotte dalla Polizia Penitenziaria della casa di reclusione milanese, che ha organizzato una sorte di task force per arrivare a individuare il loro nascondiglio. Per localizzarli, gli agenti sono riusciti a risalire a un telefono che i due avevano ottenuto in uso, le cui mappature negli ultimi giorni si erano concentrate nella zona di Lomazzo.

A quel punto le pattuglie hanno iniziato una serie di appostamenti, sia in auto che a piedi, per cercare di localizzare i due detenuti, che si riteneva fossero ancora in zona. Un servizio nel quale sono stati coinvolti polizia e carabinieri, riuscendo a ritrovare i due uomini di cui conoscevano bene i volti. Per primo è stato notato Lanzillotti, fermato mentre stava per salire su un treno diretto a Milano: con lui c'era anche un secondo uomo che tuttavia, più veloce a rendersi conto della presenza delle forze di polizia, è scappato a piedi.

Si trattava di un parente del secondo evaso, che tuttavia è stato rintracciato e identificato poco più tardi, nella sua abitazione di Lomazzo, dove c'era anche Samuel Ferrera. Mentre i due ricercati venivano arrestati e portati in carcere al Bassone, in attesa della decisione del magistrato di turno della Procura di Como, Massimo Astori, il parente di Ferrera è stato denunciato a piede libero, per violazione di una misura di sicurezza a cui era sottoposto, che prevedeva il divieto di dimora a Lomazzo, dove invece è stato trovato. Ora sono in attesa dell'interrogatorio di convalida dell'arresto, in seguito al quale gli atti saranno trasmessi alla Procura di Milano, competente per territorio in quanto l'evasione è materialmente avvenuta a Opera.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

8 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

9 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

6 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

7 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946