Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Certificati medici falsi per far uscire di galera boss mafiosi: arresti nella Capitale

Polizia Penitenziaria - Certificati medici falsi per far uscire di galera boss mafiosi: arresti nella Capitale


Notizia del 12/02/2013 - ROMA
Letto (2735 volte)
 Stampa questo articolo


Certificati medici in carcere falsi per ottenere permessi di uscita dal carcere. Sgominata banda di professionisti che operava a Roma da circa 10 anni!

Un servizio reso a boss e criminali per sconti di pene e scarcerazioni. Avvocati e medici erano come una sorta di virus della giustizia che da dieci anni a Roma permetteva ai criminali di 'bypassare' la galera. Erano loro a stabilire che, per i loro assistiti, il grado di giudizio non fosse inflitto da un tribunale ma da un certificato medico. A finire in manette, dopo le dichiarazioni di un pentito, sono otto professionisti della capitale, accusati di corruzione e false perizie con l'aggravante dell'utilizzo di metodi mafiosi.

E cosi' per anni alcuni trafficanti di droga e un killer si sono trovati fuori dal carcere. Nell'ordinanza, secondo alcune dichiarazioni ancora finora non verificate dagli investigatori, figura anche il nome del boss Michele Senese.

Ad avviare il sistema, secondo le indagini della Squadra Mobile di Roma che ha eseguito gli arresti, era principalmente un avvocato penalista, Marco Cavaliere, che sceglieva i clienti piu' facoltosi che potessero pagare somme che andavano dai novemila ai 70mila euro per una scarcerazione. Poi il compito di emettere falsi certificati passava ad alcuni periti nominati dal Tribunale per la redazione di documenti che consentissero il ricovero dell' 'indagato-cliente' nella clinica Sant'Alessandro, di Massimo Romeo, che ora figura tra gli arrestati.

Ma per uscire dalle sbarre i clienti dovevano garantire il denaro. 'E' un altro di quelli che puo' pagare? O che non puo' pagare? Scusami perche' senno' e' un problema', si legge in un'intercettazione. A far scattare le indagini sono state le dichiarazioni di un pentito che si trova da diversi anni nella Capitale. Ad essere coinvolto e' uno stesso medico di una Asl, Arcangelo Italiano, in servizio al Centro di Igiene Mentale, il quale aveva certificato la necessita' di un ciclo di incontri con il paziente per dimostrare i problemi psichici di un indagato. Il calendario delle visite era deciso dallo stesso paziente e gli incontri duravano al massimo due minuti nei quali il professionista doveva esaminare il paziente, redigere un certificato e riscuotere i soldi. Tutta falsa documentazione che 'garantiva' permessi o scarcerazioni. Un sistema che, secondo gli investigatori, durava da circa dieci anni e avrebbe permesso di uscire dalle prigioni noti esponenti della criminalita' organizzata campana e romana. L'avvocato Cavaliere e' accusato di aver favorito due trafficanti di droga, Mario Di Gregorio e Carmine Bongiorno, e il responsabile di un omicidio condannato in primo grado a 23 anni, Voli Edmund Gvock, albanese.

I medici che avrebbero collaborato al sistema criminale sono Valerio Di Tullio, Alfonso Sestito, entrambi iscritti all'albo dei periti presso il Tribunale di Roma, Arcangelo Italiano, medico impiegato presso il centro di igiene mentale e Massimo Romeo, proprietario della clinica Sant'Alessandro.

www.italiachiamaitalia.it

Medico accusato di falsa perizia a detenuto: ma il Tribunale del riesame lo scagiona

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

2 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

3 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

4 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

5 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

6 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

7 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

8 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

9 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

10 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera

10 Gli Uffici per l’Esecuzione Penale Esterna (UEPE)