Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Certificati medici falsi per far uscire di galera boss mafiosi: arresti nella Capitale

Polizia Penitenziaria - Certificati medici falsi per far uscire di galera boss mafiosi: arresti nella Capitale


Notizia del 12/02/2013 - ROMA
Letto (2699 volte)
 Stampa questo articolo


Certificati medici in carcere falsi per ottenere permessi di uscita dal carcere. Sgominata banda di professionisti che operava a Roma da circa 10 anni!

Un servizio reso a boss e criminali per sconti di pene e scarcerazioni. Avvocati e medici erano come una sorta di virus della giustizia che da dieci anni a Roma permetteva ai criminali di 'bypassare' la galera. Erano loro a stabilire che, per i loro assistiti, il grado di giudizio non fosse inflitto da un tribunale ma da un certificato medico. A finire in manette, dopo le dichiarazioni di un pentito, sono otto professionisti della capitale, accusati di corruzione e false perizie con l'aggravante dell'utilizzo di metodi mafiosi.

E cosi' per anni alcuni trafficanti di droga e un killer si sono trovati fuori dal carcere. Nell'ordinanza, secondo alcune dichiarazioni ancora finora non verificate dagli investigatori, figura anche il nome del boss Michele Senese.

Ad avviare il sistema, secondo le indagini della Squadra Mobile di Roma che ha eseguito gli arresti, era principalmente un avvocato penalista, Marco Cavaliere, che sceglieva i clienti piu' facoltosi che potessero pagare somme che andavano dai novemila ai 70mila euro per una scarcerazione. Poi il compito di emettere falsi certificati passava ad alcuni periti nominati dal Tribunale per la redazione di documenti che consentissero il ricovero dell' 'indagato-cliente' nella clinica Sant'Alessandro, di Massimo Romeo, che ora figura tra gli arrestati.

Ma per uscire dalle sbarre i clienti dovevano garantire il denaro. 'E' un altro di quelli che puo' pagare? O che non puo' pagare? Scusami perche' senno' e' un problema', si legge in un'intercettazione. A far scattare le indagini sono state le dichiarazioni di un pentito che si trova da diversi anni nella Capitale. Ad essere coinvolto e' uno stesso medico di una Asl, Arcangelo Italiano, in servizio al Centro di Igiene Mentale, il quale aveva certificato la necessita' di un ciclo di incontri con il paziente per dimostrare i problemi psichici di un indagato. Il calendario delle visite era deciso dallo stesso paziente e gli incontri duravano al massimo due minuti nei quali il professionista doveva esaminare il paziente, redigere un certificato e riscuotere i soldi. Tutta falsa documentazione che 'garantiva' permessi o scarcerazioni. Un sistema che, secondo gli investigatori, durava da circa dieci anni e avrebbe permesso di uscire dalle prigioni noti esponenti della criminalita' organizzata campana e romana. L'avvocato Cavaliere e' accusato di aver favorito due trafficanti di droga, Mario Di Gregorio e Carmine Bongiorno, e il responsabile di un omicidio condannato in primo grado a 23 anni, Voli Edmund Gvock, albanese.

I medici che avrebbero collaborato al sistema criminale sono Valerio Di Tullio, Alfonso Sestito, entrambi iscritti all'albo dei periti presso il Tribunale di Roma, Arcangelo Italiano, medico impiegato presso il centro di igiene mentale e Massimo Romeo, proprietario della clinica Sant'Alessandro.

www.italiachiamaitalia.it

Medico accusato di falsa perizia a detenuto: ma il Tribunale del riesame lo scagiona

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

5 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!