Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Chiamata urgente al 118 dal carcere: bisognava controllare una pomata per il detenuto

Polizia Penitenziaria - Chiamata urgente al 118 dal carcere: bisognava controllare una pomata per il detenuto


Notizia del 27/08/2015 - BARI
Letto (2789 volte)
 Stampa questo articolo


Si potrebbe ridere e parecchio, se la cosa non fosse seria, maledettamente seria. Da tempo il SAPPE sindacato autonomo Polizia Penitenziaria pubblicizza tutta una serie di episodi sulla malasanità penitenziaria che accadono nelle carceri pugliesi, tra il disinteresse generale. Proprio l’altro giorno proprio il SAPPE aveva chiesto l’intervento del Presidente Emiliano affinchè la situazione venga affrontata al più presto, poiché prima o poi ci scappa il fattaccio drammatico, come quello in cui un detenuto rinchiuso nel carcere di Lecce, proprio grazie alla “generosità” con cui si richiede l’intervento del 118, aveva architettato con l’aiuto di complici esterni , di evadere durante il tragitto verso l’ospedale.

Però quanto accaduto ieri sera presso il carcere in cui sono stati detenuti GRAMSCI e PERTINI, ha del comico. I fatti: ieri pomeriggio 19.08.2015, un detenuto chiedeva l’intervento del medico poiché necessitava dell’applicazione di una pomata. Sembrerebbe che il medico di guardia fosse assente per cui l’infermiere presente a quell’ora, si consultava con il Dirigente sanitario che prescriveva una pomata. Così l’infermiere si recava con il medicinale presso il detenuto per l’applicazione. Alla vista della pomata il detenuto si infuriava poiché non era quella che utilizzava ed aveva paura che gli potesse provocare ulteriori danni. Così dal carcere verso le ore 18.30 circa, non sapendo più che fare, chiamavano il 118 che da lì a poco sopraggiungeva.

Ci viene riferito, che grande è stato il disappunto del dottore del 118 nell’apprendere che la chiamata di emergenza era dovuta alla verifica della pomata da applicare al detenuto. Vogliamo sperare che tale intervento, non abbia precluso l’assistenza a qualche altro cittadino che si sia sentito male. Ci è stato poi riferito che il medico del 118 avrebbe dato ragione al detenuto poiché la pomata prescritta dall’altro sanitario per telefono, non sarebbe stata adeguata per la patologia del detenuto.

Ormai non bisogna perdere più tempo ed affrontare il problema dei ricoveri urgenti, poiché la stragrande maggioranza di sanitari che lavora nelle carceri, anche per fare una radiologia oppure per patologie minime, chiedono il “ricovero urgente” presso le strutture ospedaliere, dimenticando che tale prescrizione ai sensi dell’art.17 del regolamento penitenziario dovrebbe avvenire solo “per imminente pericolo di vita”. Il SAPPE ritiene che sia il momento di cambiare, e far lavorare nelle carceri medici che quantomeno abbiano acquisite professionalità di pronto soccorso.

Questo lo chiediamo non solo per evitare il turismo carcerario dovuto ai tantissimi ricoveri ritenuti inutili dai pronto soccorsi degli ospedali, ma anche per evitare aggravi di lavoro alla Polizia Penitenziaria, con spreco di risorse uomini e mezzi, ma soprattutto per salvaguardare la sicurezza dei cittadini, poiché mandare fuori un detenuto pericolosissimo che finge di stare male, mette a repentaglio la vita dei cittadini qualora venisse messo in atto un evasione cruenta con l’aiuto di complici esterni.

Federico Pilagatti

turiweb.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 SISSY TROVATO MAZZA, la famiglia respinge la tesi del suicidio: indagini verso la chiusura?

4 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

5 Pavia, ambulante vendeva berretti della Polizia Penitenziaria senza licenza. Condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione

6 Poliziotti penitenziari coinvolti nel caso Cucchi citano i Ministeri della Giustizia, Difesa e Interni: il GUP accoglie la richiesta

7 Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

8 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

9 Catturato detenuto tunisino e islamico radicalizzato: era evaso da permesso premio, Poliziotto penitenziario lo riconosce in stazione

10 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Riordino delle Carriere: Il parere delle Commissioni parlamentari

4 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

5 Operazione antidroga di NIC Polizia penitenziaria e Carabinieri: arresti a Rebibbia

6 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

7 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

8 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

9 Preso anche il terzo e ultimo evaso di Firenze Sollicciano

10 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?