Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Chiusura carcere di Empoli: sconcerto tra i Poliziotti penitenziari e gli altri operatori

Polizia Penitenziaria - Chiusura carcere di Empoli: sconcerto tra i Poliziotti penitenziari e gli altri operatori


Notizia del 26/07/2016 - FIRENZE
Letto (1658 volte)
 Stampa questo articolo


«Sconcertati», questa la reazione del personale di Polizia Penitenziaria, del comparto ministeri e quello sanitario alla chiusura del carcere di Pozzale. «Dall'agosto 2010, data della riapertura della struttura empolese - spiega il personale - l'istituto è stato gestito secondo il moderno principio della sorveglianza dinamica, con ottimi risultati sia a livello trattamentale che di sicurezza interna, difatti gli eventi critici sono praticamente inesistenti e le recidiva delle detenute è fra le più basse a livello nazionale. In un periodo in cui molti si fanno bandiera dei diritti dei detenuti e delle condizioni di sovraffollamento e di vita nelle carceri italiane, non ci si capacita di come sia possibile smantellare una struttura all'avanguardia nei progetti trattamentali, senza sovraffollamento e che funziona». «Sbalordiscono i tempi e le modalità con cui il ministero della giustizia vorrebbe mettere in atto questo cambiamento, come se le donne e gli uomini che quotidianamente lavorano con impegno e dedizione nella struttura empolese fossero semplicemente delle pedine da poter spostare a piacimento e non delle persone con una loro realtà personale e familiare basata anche sul luogo di lavoro - vanno avanti - dopo anni e anni di letargia istituzionale, di rinvii per l'apertura delle Rems per gli ospiti dell’Opg, di commissariamenti, di proroghe concesse e non sfruttate dalle istituzioni, si chiede al personale del di Empoli di decidere in quattro e quattr'otto del proprio futuro, di cambiarlo, di scegliere un'altra sede, di reinventarsi velocemente una vita perché le priorità delle Istituzioni sono altre».

«Se per il personale di ruolo dell'amministrazione penitenziaria è sottoposto "solo" ad una procedura forzata di trasferimento - si va avanti - il personale sanitario, che in gran parte è dipendente di una cooperativa convenzionata con l'Asl, ha ancora meno certezze riguardo la propria sorte lavorativa, i loro posti di lavoro sono a rischio. Le istituzioni locali e regionali tutte, essendo le uniche responsabili del mancato superamento degli Opg,e quindi della loro

chiusura, anziché trovare soluzioni inadeguate e inefficienti in strutture che invece efficienti lo sono eccome, dovrebbero farsi di nuovo carico del problema e risolvere la questione, senza gravare sulla vita di circa 50 famiglie che non hanno alcuna colpa, in modo definitivo ed efficace».

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico