Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Cinofili della Polizia Penitenziaria scoprono arsenale da guerra in casa di un insegnante del carcere: cercavano droga

Polizia Penitenziaria - Cinofili della Polizia Penitenziaria scoprono arsenale da guerra in casa di un insegnante del carcere: cercavano droga


Notizia del 14/05/2015 - VARESE
Letto (16087 volte)
 Stampa questo articolo


​L’indagine lampo è partita quasi per caso lo scorso 7 maggio e i colpi di scena, in questa vicenda, si sono accavallati uno con l’altro lasciando a bocca aperta anche gli agenti della Polizia Penitenziaria. Tutto è nato dal fiuto di Ben, il cane antidroga del nucleo cinofilo che ha annusato la presenza di sostanza stupefacente addosso ad un professore di educazione fisica che lavora da qualche anno all’interno del carcere di Busto Arsizio.

GUARDA IL VIDEO

Cinofili Polizia Penitenziaria scoprono arsenale da guerra

Il fiuto di Ben è infallibile  e il suo conduttore, l’agente Salvatore Minardi, lo sa bene. Scatta la perquisizione personale che, però, non da esito ma l’ispettore Luca Montagna che dirige l’unità centrale della casa circondariale vuole vederci chiaro perchè non sarebbe la prima volta che qualcuno cerca di introdurre stupefacenti all’interno della struttura: «Qui un’altissima percentuale di detenuti ne fa uso e le segnalazioni sono molte – racconta – per questo abbiamo deciso di estendere la perquisizione anche all’auto del professore».

Il comandante della Polizia Penitenziaria, il vice-commissario Antonino Rizzo, dà l’ok. Nonostante il fiuto di Ben rilevasse la presenza di stupefacenti anche in auto, gli agenti non hanno trovato nulla. Entra in gioco la Procura di Busto Arsizio e il sostituto procuratore di turno Nadia Calcaterra autorizza la perquisizione domiciliare. A casa del professore vengono trovati alcuni strumenti per il consumo della droga ma della sostanza neanche l’ombra.

Proprio in quel momento arriva un altro colpo di scena, nella mansarda dell’abitazione gli agenti trovano quello che non ti aspetti: una vera e propria Santa Barbara di munizioni, 5 bombe a mano delle quali tre in buono stato e funzionanti, proiettili anticarro, una mina antiuomo, 5 granate. In tutto 65 reperti (proiettili a parte) dei quali alcuni ancora in grado di esplodere e che sono stati fatti brillare dagli artificieri della Polizia di Stato.

Il professore 53enne, che insegna in una scuola di Busto Arsizio, ha giustificato l’arsenale con la sua passione per i reperti di guerra e ha raccontato di averli collezionati negli ultimi 20 anni frequentando una zona montana della Val d’Aosta ricca di armamenti risalenti alla Prima Guerra Mondiale.

L’uomo è stato denunciato a piede libero ma l’indagine non finisce qui e se ne sta occupando il sostituto procuratore Francesca Parola. Il professore insospettabile dovrà comunque fornire spiegazioni sia sull’eventualità che abbia introdotto sostanze stupefacenti in carcere ma soprattutto sull’arsenale presente in casa. Un’abitazione, ed è questo l’ultimo colpo di scena della vicenda, sotto la quale è presente un asilo nido.

varesenews.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

2 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

3 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

8 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

9 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

10 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia