Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Cinque poliziotti penitenziaria arrestati: aiutavano i mafiosi a

Polizia Penitenziaria - Cinque poliziotti penitenziaria arrestati: aiutavano i mafiosi a


Notizia del 31/10/2014 - CATANIA
Letto (5027 volte)
 Stampa questo articolo


Sarebbero stati "ingaggiati" dai clan per poter migliorare le condizioni di vita di chi viveva dietro le sbarre dei due carceri catanesi di Piazza Lanza e Bicocca. Cinque agenti di Polizia Penitenziaria, quattro dei quali non più in servizio, sarebbero stati il ponte di collegamento con l'esterno per alcuni detenuti, esponenti delle consorterie mafiose o comunque legati al mondo della criminalità organizzata. Tra il 2009 e il 2013 M. M., A. R., G. S., V. L. e G. G. Cardamone avrebbero acconsentito, dietro il pagamento di somme di denaro, a soddisfare le richieste dei carcerati. I poliziotti infedeli li avrebbero riforniti di alcolici, cibo vietato, cellulari, droga e in alcuni casi avrebbero organizzato riunioni tra i boss, o colloqui telefonici con i familiari. Un sistema scoperchiato da una delicata indagine svolta dai Carabinieri e che ha portato all'arresto di M. per il reato di corruzione. Gli altri quattro agenti sono indagati: il Gip, pur ritenendo solido l'apparato probatorio, non ha ravvisato ci fossero le condizioni per la reiterazione del reato e, dunque, le esigenze per disporre le misure cautelari. R., S., C. e L. hanno interrotto, infatti, il rapporto di lavoro con l'amministrazione penitenziaria per pensionamento, congedo e sospensione del servizio. I quattro affronteranno l'eventuale processo a piede libero.

GLI AGENTI CORROTTI - I carabinieri ieri hanno notificato a M. M., assistente capo della Polizia Penitenziaria di Bicocca, il provvedimento emesso dal Gip su richiesta della Dda di Catania. M. è finito agli arresti domiciliari: le accuse sono di corruzione e di detenzione di cocaina e marijuana. L'agente - secondo quanto emerso dall'inchiesta - avrebbe favorito i detenuti per un periodo che va dal 2009 fino a febbraio 2013. È indagato per concorso esterno G. G. C., ex Comandante della Polizia Penitenziaria del Carcere di Bicocca. Per gli inquirenti sarebbe stato al 'servizio' della cosca Laudani in maniera stabile e continuativa: dal clan avrebbe ricevuto uno 'stipendio' mensile pur di assicurare i favori ai detenuti appartenenti alla famiglia mafiosa. È finito nell'occhio del ciclone anche A. R., assistente capo a Piazza Lanza, che nel 2012 fu arrestato in flagranza. L'agente fu trovato in possesso di un pacco con cocaina, marijuana, profumi e alcuni pizzini che dovevano essere consegnati ad un detenuto dietro il pagamento di una "parcella". Per questo episodio R. è stato condannato, con sentenza di primo grado, dal Tribunale di Catania per corruzione e detenzione di droga. Gli ultimi due indagati sono G. S. e V. L.. Il primo è assistente capo a Bicocca, ma è stato sospeso dal servizio in quanto arrestato nell'ambito dell'inchiesta Fiori Bianchi 3, il secondo, invece, ricopre il medesimo ruolo di S. ma a Piazza Lanza. I detenuti che hanno usufruito delle illecite prestazioni dei pubblici ufficiali sono stati denunciati per concorso nel reato di corruzione.

L'INCHIESTA - Le indagini prendono corpo dall'arresto nel 2012 di R. I carabinieri sviluppano nuovi accertamenti, muovendosi anche sulle direttrici delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, che "documentano - anche grazie al supporto delle intercettazioni ambientali e telefoniche - l'esistenza di un sistema di corruzione che ha visto coinvolti alcuni appartenenti alla Polizia Penitenziaria, in servizio nelle case circondariali di Bicocca e Piazza Lanza. Gli indagati, in modo continuativo e dietro pagamento di denaro, a volte una tantum e in altri casi a cadenza mensile, avrebbero favorito numerosi affiliati delle cosche di Catania e provincia durante i periodi di detenzione nei due istituti".

IL SISTEMA - I servizi resi dai cinque agenti ai detenuti variava a seconda della carica ricoperta dall'indagato. Si partiva dal rifornimento in carcere di merce vietata: cibo particolare, alcolici, profumi, telefonini, lettori mp3, e anche cocaina e marijuana. Ai capimafia sarebbe stato assicurato un servizio ulteriore; i poliziotti organizzavano all'interno del carcere le riunioni riservate tra gli esponenti di vertice di un clan, oppure si garantiva di poter comunicare con l'esterno attraverso, ad esempio, i colloqui telefonici con i familiari. Gli agenti avrebbero avuto anche il ruolo di messaggeri e postini: da una parte avvisavano i detenuti di eventuali blitz e arresti che coinvolgevano sodali del loro gruppo, e dall'altro consegnavano bigliettini e messaggi ricevuti da parenti o affiliati. Per il "favore" il clan decideva o di pagare un fisso mensile, oppure versava una cifra che oscillava dalle 200 alle 300 euro per ogni pacco introdotto in carcere.

catania.livesicilia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

5 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

6 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia