Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Collaboratore di giustizia Giuseppe Barba trovato in possesso di droga nel carcere di Lecce

Polizia Penitenziaria - Collaboratore di giustizia Giuseppe Barba trovato in possesso di droga nel carcere di Lecce


Notizia del 09/03/2016 - LECCE
Letto (2027 volte)
 Stampa questo articolo


Droga nel carcere di Lecce, finisce nuovamente nei guai il collaboratore di giustizia Giuseppe Barba di Gallipoli. Nelle scorse ore, dopo i colloqui con alcuni familiari, Barba è stato perquisito dalla Polizia Penitenziaria nella casa di reclusione di Borgo San Nicola e trovato in possesso di 6 grammi e mezzo di hashish. Un altro quantitativo della stessa sostanza, circa 1,6 grammi, gli agenti hanno scoperto che lo aveva già ceduto poco prima a un altro detenuto.

La droga è stata sequestrata e Giuseppe Barba è stato accompagnato in ospedale per essere sottoposto a controlli più accurati, anche corporali, per scoprire se avesse ulteriori dosi di droga nascoste. Per lui, al momento, è scattata la denuncia per detenzione di sostanze stupefacenti. La Polizia Penitenziaria ha anche eseguito una perquisizione della sua casa a Gallipoli. Le indagini continuano, anche per accertare le responsabilità di chi ha portato in carcere la droga al detenuto.

Giuseppe Barba è rinchiuso nel carcere leccese dal 21 febbraio scorso per scontare la condanna definitiva a 5 anni e 9 mesi per mafia, in quanto riconosciuto colpevole di partecipazione al clan Padovano di Gallipoli. Come collaboratore di giustizia, nel processo Barba ha contribuito con le sue dichiarazioni a fare chiarezza sia sull'omicidio del boss Salvatore Padovano che sugli affari del gruppo stesso.

Per questo motivo nei suoi confronti la condanna, divenuta definitiva con la sentenza della Cassazione, è stata "scontata" rispetto a quelle che hanno colpito gli altri imputati.

quotidianodipuglia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?