Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Collaboratore di giustizia "incastra" Agente penitenziario: avrebbe consegnato lettere al boss in carcere

Polizia Penitenziaria - Collaboratore di giustizia


Notizia del 16/10/2015 - LECCE
Letto (3265 volte)
 Stampa questo articolo


Un agente della Polizia Penitenziaria al soldo del clan Nisi. L’ennesimo retroscena viene svelato ancora una volta dal collaboratore di giustizia Gioele Greco nel memoriale depositato giorni fa nel processo di primo grado ribattezzato “Network”.

La presunta divisa sporca avrebbe dovuto recapitare una lettera scritta dal 28enne leccese e indirizzata al boss Roberto Nisi detenuto a Borgo “San Nicola” poi sequestrata il 19 marzo di due anni fa. Scrive nel suo memoriale di 19 pagine Greco: “la lettera non avrebbe dovuto superare i controlli dell’istituto penitenziario in quanto non la dovevo spedire con la posta ma recapitargliela tramite un appuntato della Polizia Penitenziaria del quale si serviva spesso per lo stesso motivo”.

Greco riporta i contatti avuti anche con un gruppo attivo su Melendugno (personaggi già coinvolti in altre inchieste) per lo smercio di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente: “Successivamente lo … mi portò a Melenndugno e mi presentò … nella sua azienda dove cominciai a rifornire il … di un chilo alla volta di cocaina; lui mi pagava in contanti con tutte banconote da 500 euro”.

E poi Greco ricostruisce i legami con l’organizzazione, i rapporti con gli altri sodali, i viaggi a Milano per approvvigionarsi di droga. Le trasferte nella capitale meneghina dove il clan faceva la bella vita. Il collaboratore, infatti, svela: “Portavamo in giro … a volte solo a volte con sua moglie e noi con le nostre fidanzate in giro per Milano a mangiare ai ristoranti e fare shopping nei negozi del centro”. Il processo “Network” è ormai giunto alle battute finali.

La sentenza a carico di 45 imputati era prevista ieri ma la camera di consiglio è stata rinviata per un impedimento del giudice Annalisa De Benedictis. Nell’udienza del 19 marzo scorso il sostituto procuratore Guglielmo Cataldi aveva invocato oltre quattro secoli di carcere. Ora agli atti processuali è stato allegato anche un memoriale bis di Greco (dopo quello depositato nel processo d’Appello dell’operazione “Speed Drug”) in cui il collaboratore svela i contatti del clan con una divisa “sporca”.

corrieresalentino.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”