Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Collega deceduta: i familiari presentano esposto per malasanità dopo la morte di Valeria

Polizia Penitenziaria - Collega deceduta: i familiari presentano esposto per malasanità dopo la morte di Valeria


Notizia del 23/07/2014 - BARI
Letto (5377 volte)
 Stampa questo articolo


«Hanno ucciso nostra figlia». È il grido di rabbia di Giuseppe Lepore e Maria Durso, i genitori della giovane Valeria, 26anni, agente di Polizia Penitenziaria in servizio al carcere di San Vittore a Milano, morta per un presunto caso di malasanità. Un esposto sulla vicenda è stato depositato sia ai carabinieri di Taranto, che alla Procura di Bari per omicidio colposo. Per i genitori di Valeria i medici sono stati «incompetenti».

Rabbia, tanta rabbia. Tutto è avvenuto la settimana scorsa, quando al «Santissima Annunziata» di Taranto la ragazza subisce un intervento chirurgico. La magistratura barese ha aperto un fascicolo d’indagine per accertare le responsabilità dei medici e l’inchiesta è stata affidata al magistrato Fabio Buquicchio che coordina l’attività investigativa e che, ha ordinato il sequestro delle cartelle cliniche e l’’autopsia. La famiglia ha formalizzato l’incarico all’avvocato penalista Carmelo Piccolo del Foro di Bari per seguire la vicenda sotto il profilo penale e agli avvocati Michele Mongelli e Rocco Durso per la vicenda civile.

La testimonianza del padre. «Con nostra figlia stavamo trascorrendo le vacanze a San Pietro in Bevagna (Taranto) e Valeria doveva rimanere in ferie sino ai primi giorni di agosto. Era in perfetta salute e non soffriva di alcuna patologia ed era una persona vitale ed energica, tanto che sino a poche ore prima dai fatti si trovava in spiaggia a giocare a racchette col fratello. Improvvisamente ha iniziato ad avvertire dolori lancinanti al fianco destro, all’altezza del rene. Immediatamente l’abbiamo accompagnata presso il Pronto Soccorso di Manduria, dove è stata dapprima visitata dal medico. È stata tenuta per circa 3 ore su una sedia a rotelle e, stanca di stare in quella posizione, dato che continuava a lamentare dolori, noi stessi abbiamo chiesto che venisse sistemata su un lettino. Una vera tristezza».

Il giorno successivo. «Dopo alcuni esami approfonditi, Valeria è stata trasportata al reparto di Urologia dell’Ospedale SS. Annunziata. Durante il pomeriggio a Valeria è salita la febbre. Successivamente, inoltre, nostra figlia ha iniziato ad avere la vista annebbiata e gli occhi arrossati ed avvertiva anche debolezza nelle gambe, nelle braccia e sudorazione. Quindi è stata portata in sala operatoria. Mia figlia ha detto al medico: “Non è che non mi sveglio più”. E a questa domanda l’urologo e l’infermiere si sono fatti una risata». A Valeria, in sala operatoria, è stato asportato un calcolo renale. Una banalità. «Che pure l’ha portata alla morte».

«I medici - continua il padre - ci comunicano alcune complicazioni nell’intervento e che, pertanto, avevano provveduto a sedarla nuovamente e che avrebbero fatto una Tac per poi condurla in sala rianimazione. Infatti è arrivato il responsabile del reparto di rianimazione 2 del Policlinico di Bari, il quale, dopo aver verificato le condizioni, con il responsabile del reparto di rianimazione dell’Ospedale tarantino, ci ha informati della gravità assoluta della situazione clinica di nostra figlia, che si rendeva indispensabile procedere all’impianto del polmone artificiale per evitare la morte».

Valeria viene trasferita al reparto di rianimazione del Policlinico di Bari. «Dopo un complesso intervento, il responsabile del reparto ci comunica che, purtroppo, non c’era più attività cerebrale e che sarebbe stato necessario attendere solo l’ufficialità del dato strumentale. Valeria è morta il 17 luglio. Ce l’hanno uccisa».

lagazzettadelmezzogiorno.it

Deceduta la collega Valeria Lepore: in vacanza a Bari, lavorava a Milano S. Vittore

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto