Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Comandante della Polizia Penitenziaria condannata per suicidio detenuto: motivazioni sentenza

Polizia Penitenziaria - Comandante della Polizia Penitenziaria condannata per suicidio detenuto: motivazioni sentenza


Notizia del 08/03/2014 - VENEZIA
Letto (5778 volte)
 Stampa questo articolo


La "cella liscia", la 408, era priva di illuminazione, di riscaldamento, senza sanitari e invasa da un insopportabile fetore di escrementi e di urina"; "un luogo che sottoponeva di fatto i detenuti a misure di rigore non consentite dalla legge...una cella di rigore di fatto illecitamente soppressiva di quel minimo di libertà residua che spettava ai detenuti"; infine, "si trovava in condizioni di conservazione pessime e che configurava logicamente un ambiente tutt'altro che confortevole e sicuramente non in grado di ovviare alle condizioni psichiche alterate, ma semmai idonea a rafforzare la scelta suicidaria".

Con queste parole, il giudice veneziano Andrea Comez descrive la cella di Santa Maria Maggiore, dove il detenuto Cherib Debibyaui il 5 marzo 2009 è stato rinchiuso e dove si è impiccato, nelle motivazioni della sentenza con la quale è stata condannata a cinque mesi e dieci giorni di reclusione la comandante della Polizia Penitenziaria del carcere veneziano Daniela Caputo. Era stato trasferito nella 408 dopo aver tentato il suicidio in un altra cella, dove a salvarlo erano stati due detenuti. Il magistrato ricorda che i detenuti vi venivano rinchiusi anche d'inverno in mutande e maglietta e spesso senza materasso per diverse giornate.

La comandante, che ha scelto il rito abbreviato, a differenza degli altri imputati che sono stati rinviati a giudizio e verranno processati in Tribunale, doveva rispondere di concorso in omicidio e abuso d'autorità. La sentenza ricorda che l'obbligo di protezione della salute dei detenuti spetta alla Polizia Penitenziaria e sottolinea che secondo l'articolo 27 della Costituzione le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione. La Caputo aveva ratificato la decisione del suo sottoposto di rinchiudere il detenuto che già aveva tentato il suicidio nella cella di punizione, invece "avrebbe dovuto disporre la sua sorveglianza a vista o avrebbe dovuto trasferirlo in infermeria in attesa della visita medica". Nella sentenza si contesta la difesa dell'imputata che da un lato ha sostenuto che toccava al direttore del carcere farsi carico della protezione dei detenuti e dall'altro ha negato di conoscere le condizioni della cella 408.

"Appare poco credibile", si legge, "visto che proprio in quell'occasione il comandante aveva avuto modo di vedere quella cella e di accorgersi che era priva di illuminazione, non era riscaldata ed era in condizioni igieniche pessime".

La Nuova Venezia

 

Condannata l'ex Comandante del carcere di Venezia per suicidio detenuto

 

Sei poliziotti penitenziari indagati per suicidio detenuto marocchino a Venezia

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna