Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Condannata l'ex Comandante del carcere di Venezia per suicidio detenuto

Polizia Penitenziaria - Condannata l'ex Comandante del carcere di Venezia per suicidio detenuto


Notizia del 11/01/2014 - VENEZIA
Letto (6131 volte)
 Stampa questo articolo


Rinviati a giudizio altri tre agenti penitenziari. Il detenuto aveva tentato il suicidio e venne chiuso in isolamento. Tutti i detenuti temevano la cella 408. Magari non ne conoscevano il numero, ma l'esistenza di quella stanza degli orrori era qualcosa di più di una banale leggenda.

Un buco senza luce, riscaldamento, in cui i carcerati di Santa Maria Maggiore venivano chiusi con una maglietta a maniche corte anche in pieno inverno. Una cella "illegittima e degradante", come l'hanno definita il pubblico ministero Massimo Michelozzi e l'avvocato di parte civile Marco Zanchi. Una cella in cui, il 5 marzo del 2009, si tolse la vita il 28enne marocchino Cherib Debibyaui, impiccandosi con una coperta.

Prima e dopo di lui altri erano entrati tra quelle pareti umide e gelide, tutti detenuti con comportamenti "devianti, conflittuali o autolesionistici". Il giudice veneziano Andrea Comez, ieri, ha emesso la prima sentenza di un processo che aveva chiamato in causa sei poliziotti penitenziari e ha condannato, con rito abbreviato, quindi, l'ex comandante di reparto di Polizia Penitenziaria Daniela Caputo. Per lei, il giudice ha stabilito una pena a sei mesi di reclusione per omicidio colposo e a altri 5mesi e 10 giorni per abusi.

Prosciolti dalle accuse, invece, l'ispettore Pietro Di Leo e l'assistente capo Vincenzo Amoroso, in quanto non sarebbero stati a conoscenza della gravità della situazione. In particolare Di Leo, essendo un semplice addetto alle matricole, si occupava solo della disposizione della distribuzione delle celle senza però sapere a monte chi sarebbe stato rinchiuso dove. Rinviati a giudizio, invece, gli ispettori S. D. e L. N. e il vice sovrintendente F. S.

Per loro il processo si aprirà il 10 aprile. "Questa sentenza è un risultato storico - commenta Zanchi - si è riconosciuta l'esistenza di una cella illegittima, in cui le condizioni erano davvero disumane. Se passasse il reato di tortura, sicuramente questo sarebbe un caso in cui potrebbe essere considerato uno dei capi di imputazione".

La cella 408 era nata un po' per caso. Devastata da un detenuto irrequieto, non era mai stata ristrutturata. Il personale si era limitato a rimuovere tutto ciò che era finito in pezzi. Ne era uscito uno spazio minimo, buio, freddo, con le finestre murate. Cherib era stato trasferito lì dopo aver tentato il suicidio in una cella comune, sventato solo dall'intervento degli altri due detenuti.

Era rimasto nella 408 per 62 ore, in isolamento, al freddo e senza acqua, prima di riuscire ad appendere una striscia di tessuto strappata da quella coperta a un chiavistello e a farla finita. Lui, che era considerato un detenuto a rischio, e doveva essere sottoposto a sorveglianza a vista.

Corriere Veneto

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

10 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa