Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Condannato l'ex comandante del carcere di Sassari: due anni per favoreggiamento personale

Polizia Penitenziaria - Condannato l'ex comandante del carcere di Sassari: due anni per favoreggiamento personale


Notizia del 15/07/2013 - SASSARI
Letto (5352 volte)
 Stampa questo articolo


Condannato a due anni l'ex Comandante del carcere di Sassari: favoreggiamento personale in una vicenda di spaccio di stupefacenti nel vecchio carcere di San Sebastiano.

Non un concorso esterno nella presunta organizzazione di spacciatori che sarebbe stata guidata da Pino Vandi. Ma un ruolo, nella vicenda del traffico di droga tra le celle del vecchio San Sebastiano, l'ex comandante degli agenti lo avrebbe avuto.

E il giudice di Cagliari ritiene si sia trattato di un favoreggiamento personale. Per questo reato il gup Giuseppe Pintori ha condannato a due anni di reclusione (pena sospesa) Antonio Maria Santucciu, algherese di 50 anni, agente della Penitenziaria in pensione.

Pena che ha tenuto conto della diminuzione di un terzo per effetto della scelta del rito abbreviato. Ma più bassa, e di molto, di quella sollecitata dal pm Giovanni Porcheddu: 8 anni. La differenza sta nella diversa qualificazione del reato: secondo il giudice non ci sono i presupposti giuridici per attribuire un concorso esterno. Ma gli elementi raccolti dalla Procura distrettuale di Cagliari nell'inchiesta su 45 tra ex detenuti, familiari e tre agenti della Penitenziaria, sembrano superare comunque il primo vaglio di un Tribunale.

Santucciu, difeso dall'avvocato Alberto Sechi, è accusato di aver aiutato Pino Vandi, boss sassarese sotto processo per l'omicidio del detenuto Marco Erittu (2007). Vandi avrebbe gestito lo spaccio di eroina e cocaina ai tossicodipendenti di San Sebastiano, fino al 2008, forse proprio nel periodo in cui Santucciu era comandante degli agenti (2004-2007), forse anche grazie a lui.

Il pentito Giuseppe Bigella, che per la morte di Erittu è stato condannato a 16 anni, descrive un comandante che aiuta Vandi informandolo delle perquisizioni e di chi decideva di collaborare con la giustizia.

Ancora, i carabinieri di Nuoro hanno accertato - e alcuni testimoni lo confermano durante il processo sul caso Erittu - come Santucciu favorisse il gruppo di Vandi attribuendo a suoi uomini posti di addetto alle cucine, scrivano, "spesino", attività che consentivano una certa facoltà di spostarsi tra le celle. Era accaduto per Nicolino Pinna (imputato nel processo Erittu), amico e compare di Vandi.

Agli atti c'è una relazione che ricorda come gli stessi accertamenti che hanno portato alla conclusione di questa indagine, fossero partiti già nel 2006, coinvolgendo Santucciu in qualità di investigatore. Ma "si aveva avuto la netta sensazione - scrivono i militari - che qualche "soffiata" avesse compromesso l'indagine". Un dettaglio lascia perplessi gli investigatori.

Santucciu era amico degli altri due agenti oggi sotto accusa, Antonio Del Rio e Giovanni Calvia (rinviati a giudizio per concorso esterno). Ma quando la prima indagine del 2006 aveva coinvolto Del Rio, questi si era inspiegabilmente messo in malattia. Fra 90 giorni le motivazioni della condanna.

La Nuova Sardegna

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

8 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

9 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb

10 Detenuto, si aggirava in sezione con 50 grammi di hashish nelle mutande: era stato anche protagonista di un film di Santoro trasmesso dalla RAI


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria