Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Consegnò soldi al detenuto per fargli ingrossare i testicoli: avvocatessa chiede i lavori socialmente utili

Polizia Penitenziaria - Consegnò soldi al detenuto per fargli ingrossare i testicoli: avvocatessa chiede i lavori socialmente utili


Notizia del 22/04/2016 - PADOVA
Letto (3711 volte)
 Stampa questo articolo


Finita sul banco degli imputati per il reato di concorso in frode processuale con un suo ex cliente, l’avvocatessa Michela Marangon, 52enne di Porto Viro, ha chiesto al giudice del processo di beneficiare della cosiddetta “messa alla prova”, istituto previsto per i reati puniti con una sanzione non superiore ai 4 anni e tassativamente indicati dal codice penale. Istituto che prevede di poter estinguere il reato stesso grazie a una forma alternativa di espiazione, i lavori socialmente utili.

E il giudice si è riservato rinviando la decisione alla prossima udienza fissata per il 7 luglio. Marangon è a processo con Enrico Chiavaroli, 60enne aretino detenuto a Padova dopo una condanna per omicidio. Durante una perquisizione nell’ambito dell’inchiesta sul malaffare nel carcere padovano, era stata sequestrata una lettera del detenuto al suo legale: Chiavaroli chiedeva all’avvocato Marangon 150 euro per acquistare in carcere dei medicinali. Voleva farsi ingrossare i testicoli.

Il motivo? Ottenere la scarcerazione per motivi di salute, ingannando così prima il medico poi il giudice di sorveglianza visto che i farmaci avrebbero provocato quella malattia temporanea. Secondo il pm Sergio Dini, la penalista avrebbe fatto recapitare al cliente il denaro «in violazione delle normative che fanno divieto di consegnare soldi in contanti ai detenuti». Chiavaroli avrebbe dovuto restare in carcere fino al 2018. La sua condotta non sarebbe delle migliori: il 10 giugno 2009 aveva ottenuto un permesso ed era scappato a Pescara dove, in tre giorni, aveva messo a segno tre rapine. Per lui il processo prosegue. Nel luglio 2015 l’avvocato Marangon (con rito abbreviato) era stata condannata per concorso in

corruzione a due anni con la condizionale: secondo l'accusa, aveva pagato il capo degli agenti penitenziari del quinto piano del carcere padovano, Pietro Rega, con 500 euro per attenuare la vigilanza nei confronti del suo assistito Antonino Fiocco, 41enne di Verona.

mattinopadova.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

2 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

3 Poliziotto Penitenziario di Milano si suicida con la pistola d''ordinanza: era in servizio presso il Nucleo NTP di Milano Opera

4 Agente Polizia Penitenziaria uccide la moglie e si suicida: illesa la figlia diciottenne presente in casa, il padre le ha detto di allontanarsi

5 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

6 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

7 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

8 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

9 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

10 Collega uccide la moglie con la pistola ritirata ieri, gli era stata tolta per stati d''ansia. Forse una relazione extra-coniugale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Due suicidi nella Polizia Penitenziaria a distanza di poche ore: Dipartimento amministrazione penitenziaria continua a tergiversare sul disagio dei Poliziotti

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato