Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Corte Diritti Umani Strasburgo boccia ricorsi detenuti: possono chiedere il risarcimento in Italia

Polizia Penitenziaria - Corte Diritti Umani Strasburgo boccia ricorsi detenuti: possono chiedere il risarcimento in Italia


Notizia del 26/09/2014 - ESTERO
Letto (2136 volte)
 Stampa questo articolo


La Corte europea dei diritti dell'uomo ha deciso oggi di respingere 19 ricorsi presentati da altrettanti detenuti contro il sovraffollamento delle carceri dopo che l'Italia ha adottato lo scorso giugno il decreto legge sul "rimedio compensativo".

Un pronunciamento accolto come una "notizia positiva" dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, secondo il quale la Corte ha così "apprezzato i progressi fatti" dall'Italia su questo fronte. La decisione presa oggi a Strasburgo rappresenta in effetti una vittoria per il governo, che in un colpo solo ha ottenuto tre risultati. Innanzitutto si è liberato dalla preoccupazione di essere costantemente condannato per trattamento inumano e degradante dei carcerati costretti in spazi troppo angusti, come successe nel 2013 con la sentenza Torreggiani.

Inoltre, vede in prospettiva ridursi l'ammontare dei risarcimenti che dovrà pagare ai detenuti di cui ha violato i diritti, poiché con le condanne a Strasburgo sarebbe stato molto più alto. Infine, il governo riuscirà a far diminuire anche il numero di ricorsi pendenti a Strasburgo, perchè la Corte - secondo quanto si è appreso - ha deciso di applicare lo stesso metodo utilizzato oggi anche ai restanti 3.500 e più ricorsi che ha ricevuto dalle carceri italiane. L'Italia potrà così finalmente perdere il poco invidiabile primato di primo paese per numero di fascicoli aperti alla Corte.

La sentenza di oggi indica anche che l'Italia è riuscita a convincere i giudici di Strasburgo sull'efficacia e la congruità delle misure messe in atto per fronteggiare il fenomeno del sovraffollamento. Il rigetto dei due ricorsi avvenuto oggi è infatti dovuto al fatto che la Corte, dopo aver analizzato le leggi introdotte nell'arco dell'ultimo anno, ha deciso non solo che il rischio di sovraffollamento nelle carceri italiane sta diminuendo, ma anche che chi dovesse subirne gli effetti può ora ottenere giustizia direttamente in Italia. E questo vale anche per chi si è già rivolto a Strasburgo.

La Corte infatti ha detto che non ha prove per ritenere che il rimedio preventivo e quello compensativo introdotti dal governo con i decreti legge 146/2013 e 92/2014, non funzionino. Come sembra dimostrare anche la notizia di un carcerato che ha ottenuto a Padova 4.808 euro e 10 giorni di detrazione della pena sui 100 che ancora gli restavano da scontare per i 601 giorni di detenzione vissuti in condizioni inumane di sovraffollamento carcerario. Un risarcimento che però è stato già bollato come "abominio immondo" dal deputato leghista Nicola Molteni, capogruppo in commissione giustizia, e che il sindaco di Padova, Massimo Bitonci, ha chiesto a Orlando di bloccare.

I detenuti che hanno fatto ricorso a Strasburgo ora hanno due possibilità. Se sono ancora in carcere possono rivolgersi al giudice di sorveglianza, che non solo deve far cessare la loro situazione di sovraffollamento, ma deve eventualmente risarcirli o con giorni di pena in meno o con denaro, o entrambe. Coloro che invece sono già in libertà possono rivolgersi al giudice civile per ottenere un risarcimento. Per farlo hanno tempo fino al 28 dicembre e, affinché la richiesta sia valida devono indicare la data in cui hanno presentato il ricorso a Strasburgo.

online-news.it

Prostituzione minorile, violenza e associazione a delinquere: detenuto risarcito con 4.800 euro dallo Stato 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta