Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Cucchi, Inizia il processo d'appello: il Procuratore chiede la condanna dei Poliziotti penitenziari

Polizia Penitenziaria - Cucchi, Inizia il processo d'appello: il Procuratore chiede la condanna dei Poliziotti penitenziari


Notizia del 23/09/2014 - ROMA
Letto (1372 volte)
 Stampa questo articolo


Ribaltare la sentenza di primo grado e condannare tutti gli imputati del processo per la morte di Stefano Cucchi, il geometra romano arrestato per droga e deceduto una settimana dopo in ospedale.

Lo ha ha chiesto il Procuratore generale, MarioRemus, nel processo d’appello. In primo grado furono condannati solo 5 medici.

Si svolge davanti alla Prima Corte d’assise d’appello di Roma il processo di secondo grado per la morte del geometra romano arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e deceduto una settimana dopo all’ ospedale Sandro Pertini della capitale.

La richiesta del pg è arrivata a conclusione della sua requisitoria nel processo d’Appello davanti alla Prima Corte d’assise d’appello di Roma. In primo grado gli agenti e gli infermieri erano stati assolti dalla Terza Corte d’assise ed erano stati condannati solo i medici a pene comprese tra i 2 anni e 1 anno e 4 mesi. Per l’accusa Cucchi fu pestato nelle celle del palazzo di Giustizia poco prima dell’udienza di convalida del suo arresto, abbandonato da medici e infermieri che lo ebbero in cura nel reparto detenuti dell’ospedale Pertini.

A presiedere il collegio c’è Mario Lucio D’Andria, con giudice a latere la consigliera Tiziana Gualtieri; per la definizione del giudizio saranno necessarie alcune udienze. Spetterà loro decidere la sorte processuale del primario del Pertini Aldo Fierro e dei medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite, Silvia Di Carlo (tutti condannati in primo grado per omicidio colposo) e Rosita Caponnetti (condannata per falso ideologico); nonchè degli infermieri Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe (tutti assolti in primo grado) e degli agenti della Penitenziaria, Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici (anche loro assolti in primo grado).

La vicenda ha registrato una novità importante: la famiglia Cucchi, infatti, si è accordata con l’ospedale per un risarcimento di un milione e 340mila euro. Cosa, questa, che nel processo di secondo grado porterà come conseguenza il fatto che la famiglia (padre, madre, sorella e nipoti di Stefano) non sarà presente come parte civile nei confronti di medici e infermieri. Resta, però, la costituzione nei confronti degli agenti della penitenziaria assolti in primo grado.

Per i giudici di primo grado, Stefano morì di malnutrizione e l’attività dei medici fu segnata «da trascuratezza e sciatteria»; non condivise poi le argomentazioni secondo le quali il decesso si sarebbe verificato per le lesioni vertebrali.

ilsecoloxix.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

9 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!