Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Da cinque a tre Forze di Polizia: il sasso è stato gettato nello stagno

Polizia Penitenziaria - Da cinque a tre Forze di Polizia: il sasso è stato gettato nello stagno


Notizia del 16/06/2014 - ROMA
Letto (3481 volte)
 Stampa questo articolo


Non c'è bisogno di ricordare Gianni Rodari e la metafora del sasso gettato nello stagno per capire che la proposta di ridurre le forze di polizia da cinque a tre, lanciata nei giorni scorsi dal ministro della Pubblica amministrazione, è destinata a lasciare il segno e ad avere conseguenze, soprattutto - proseguendo nella citazione dello scrittore di Omegna - nei confronti di quegli

"oggetti che se ne stavano ciascuno per conto proprio, nella sua pace o nel suo sonno" e che adesso "sono come richiamati alla vita, obbligati a reagire, a entrare in rapporto tra di loro (...), mentre il sasso precipita smuovendo alghe, spaventando pesci, causando sempre nuove agitazioni molecolari".

Ecco, quegli "oggetti" sono le potenti burocrazie ministeriali che da sempre si oppongono alla necessità di ridurre e unificare le forze di polizia, che sono ben cinque nel nostro Paese e alle quali occorre aggiungere la polizia provinciale, quella locale, i vigili del fuoco e la guardia costiera. Una macchina che costa venti miliardi di euro l'anno, col sessanta per cento delle risorse assorbite dagli apparati logistici e amministrativi. Una cifra enorme che rende quasi impossibili, in tempi di spending review, nuovi investimenti nella sicurezza e che impedisce, per altro, di dare a poliziotti e carabinieri paghe migliori, visto che i loro stipendi sono fermi da cinque anni.

Marianna Madia, alla vigilia dell'ultimo consiglio dei ministri che ha dato via libera alla riforma della pubblica amministrazione, c'ha provato a buttare il sasso nella stagno, certamente con l'avallo del premier. La cosa per adesso non ha avuto seguito, ma chi conosce il modus operandi del capo del Governo e dei suoi fedelissimi sa benissimo che una riforma della sicurezza è ormai inevitabile. L'idea di accorpare la penitenziaria e il corpo forestale nell'ambito della polizia di Stato, ipotizzando ad esempio la creazione di nuove specialità come la stradale e la polfer, potrebbe rappresentare un primo step di quel difficile, ma non impossibile, percorso di unificazione delle forze dell'ordine.

Sul web ormai le firme raccolte attraverso il sito internet sono migliaia e migliaia e il sindacato di polizia Sap crede convintamente nel successo di questa battaglia. Ho avuto già modo di scriverlo e voglio ribadirlo: caro Matteo Renzi, vai avanti così. C'è da cambiare verso anche per quel che riguarda la sicurezza.

huffingtonpost.it - Massimo Montebove

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Si è tolto la vita impiccandosi il Poliziotto penitenziario accusato dalla figlia di averla violentata

2 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

3 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

9 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

10 Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Dopo dieci anni di blocco contrattuale, un rinnovo da sfigati ... un misero caffè al giorno

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione