Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Da ex randagi del canile a “poliziotti penitenziari” addestrati dal nucleo cinofili di Asti

Polizia Penitenziaria - Da ex randagi del canile a “poliziotti penitenziari” addestrati dal nucleo cinofili di Asti


Notizia del 10/03/2014 - ASTI
Letto (2420 volte)
 Stampa questo articolo


Erano destinati ad una vita un po’ triste dietro le sbarre di un canile. E alla fine dietro le sbarre sono tornati, ma non più da reclusi.
Al termine di un percorso nel centro addestramento nazionale cinofili della Polizia Penitenziaria di Quarto, sei meticci sono diventati «agenti antidroga» dal fiuto infallibile in forza a strutture carcerarie di Lombardia, Campania e Puglia. Saranno utilizzati per le perquisizioni nelle celle e i controlli ai visitatori dei detenuti, ma anche per attività operative di ricerca narcotici in collaborazione con le altre forze dell’ordine. A gestire il training sono stati gli istruttori del centro di Quarto, l’unico del ministero della Giustizia a livello nazionale.
Grillo, Tigro, Peppe, Dick, Ehxen e Oscar, questi i nomi degli ex randagi, sono stati formati dall’assistente capo della Polizia Penitenziaria Angelo De Feo e dai suoi colleghi, che una decina d’anni fa hanno fondato la struttura di addestramento in un’ala del perimetro del carcere nella piana del Tanaro. All’inizio c’era la passione di alcuni agenti che volevano sfuggire alla routine del servizio nelle sezioni detentive. Ora c’è una scuola tra le più prestigiose: ogni anno giungono ad Asti poliziotti da carceri di tutta Italia. Ciascun allievo viene addestrato insieme a quello che sarà il «suo» cane. Una volta tornati ai reparti, le «coppie» hanno spesso ottenuto notevoli risultati nel contrasto allo spaccio di eroina, cocaina, hashish e marijuana. «La nostra metodologia di formazione dei cani alla ricerca di sostanze stupefacenti è considerata tra quelle più innovative a tutt’oggi conosciute a livello internazionale – racconta De Feo – Abbiamo fatto esperimenti con la cosiddetta tecnica “gentile”, basata sul metodo cognitivo, ha dato ottimi frutti e abbiamo deciso di impiegarla stabilmente».
Oltre alle giornate di preparazione all’interno della struttura carceraria, i cuccioli nella fase addestrativa sono stati accompagnati con i futuri «conduttori» a svolgere «stage» su strada. Ad alcuni astigiani sarà capitato nei mesi scorsi di essere «annusati» alla stazione ferroviaria o nelle vie del centro dai giocosi meticci tenuti saldamente al guinzaglio da giovani uomini e donne in abiti civili: si trattava dei conduttori e degli istruttori guidati dall’ispettore Giorgio Satta. «Siamo riusciti in due obiettivi, per noi entrambi fondamentali: dare a questi randagi una vita diversa, probabilmente più divertente, ed avere sei cani-poliziotto molto validi a costo zero per la pubblica amministrazione, senza dover comprare i cuccioli negli allevamenti» sottolineano gli istruttori di Quarto.

lastampa 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

10 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946