Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Da ex randagi del canile a “poliziotti penitenziari” addestrati dal nucleo cinofili di Asti

Polizia Penitenziaria - Da ex randagi del canile a “poliziotti penitenziari” addestrati dal nucleo cinofili di Asti


Notizia del 10/03/2014 - ASTI
Letto (2558 volte)
 Stampa questo articolo


Erano destinati ad una vita un po’ triste dietro le sbarre di un canile. E alla fine dietro le sbarre sono tornati, ma non più da reclusi.
Al termine di un percorso nel centro addestramento nazionale cinofili della Polizia Penitenziaria di Quarto, sei meticci sono diventati «agenti antidroga» dal fiuto infallibile in forza a strutture carcerarie di Lombardia, Campania e Puglia. Saranno utilizzati per le perquisizioni nelle celle e i controlli ai visitatori dei detenuti, ma anche per attività operative di ricerca narcotici in collaborazione con le altre forze dell’ordine. A gestire il training sono stati gli istruttori del centro di Quarto, l’unico del ministero della Giustizia a livello nazionale.
Grillo, Tigro, Peppe, Dick, Ehxen e Oscar, questi i nomi degli ex randagi, sono stati formati dall’assistente capo della Polizia Penitenziaria Angelo De Feo e dai suoi colleghi, che una decina d’anni fa hanno fondato la struttura di addestramento in un’ala del perimetro del carcere nella piana del Tanaro. All’inizio c’era la passione di alcuni agenti che volevano sfuggire alla routine del servizio nelle sezioni detentive. Ora c’è una scuola tra le più prestigiose: ogni anno giungono ad Asti poliziotti da carceri di tutta Italia. Ciascun allievo viene addestrato insieme a quello che sarà il «suo» cane. Una volta tornati ai reparti, le «coppie» hanno spesso ottenuto notevoli risultati nel contrasto allo spaccio di eroina, cocaina, hashish e marijuana. «La nostra metodologia di formazione dei cani alla ricerca di sostanze stupefacenti è considerata tra quelle più innovative a tutt’oggi conosciute a livello internazionale – racconta De Feo – Abbiamo fatto esperimenti con la cosiddetta tecnica “gentile”, basata sul metodo cognitivo, ha dato ottimi frutti e abbiamo deciso di impiegarla stabilmente».
Oltre alle giornate di preparazione all’interno della struttura carceraria, i cuccioli nella fase addestrativa sono stati accompagnati con i futuri «conduttori» a svolgere «stage» su strada. Ad alcuni astigiani sarà capitato nei mesi scorsi di essere «annusati» alla stazione ferroviaria o nelle vie del centro dai giocosi meticci tenuti saldamente al guinzaglio da giovani uomini e donne in abiti civili: si trattava dei conduttori e degli istruttori guidati dall’ispettore Giorgio Satta. «Siamo riusciti in due obiettivi, per noi entrambi fondamentali: dare a questi randagi una vita diversa, probabilmente più divertente, ed avere sei cani-poliziotto molto validi a costo zero per la pubblica amministrazione, senza dover comprare i cuccioli negli allevamenti» sottolineano gli istruttori di Quarto.

lastampa 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

6 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

7 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

8 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

9 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

10 Detenuto evade da permesso premio: in carcere per sequestro di persona, spaccio, furto e rapina, porto abusivo di armi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

8 Noi, vittime della Torreggiani

9 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

10 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi