Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
DAP blocca lettere inviate dal camorrista Giuseppe Falsone: dal 41-bis ha scritto missive di dubbia interpretazione

Polizia Penitenziaria - DAP blocca lettere inviate dal camorrista Giuseppe Falsone: dal 41-bis ha scritto missive di dubbia interpretazione


Notizia del 16/06/2017 - AGRIGENTO
Letto (3620 volte)
 Stampa questo articolo


Bloccate 4 lettere scritte dall'ex capo mafia provinciale Giuseppe Falsone, detenuto in una struttura penitenziaria di massima sicurezza, al regime del 41 bis (carcere duro). Prima ancora, analoga decisione era stata presa con il palmese Ignazio Ribisi, più volte condannato per mafia e altri reati, figura di spessore di Cosa Nostra agrigentina, e vicino al super boss Bernardo Provenzano, a cui venne impedito l'invio di una missiva alla moglie, scritta in un incomprensibile tedesco, e con dietro il sospetto che potesse contenere comunicazioni non consentite.

Ora viene fuori, che nei mesi scorsi, anche per il boss di Campobello di Licata, Giuseppe Falsone (catturato 7 anni fa a Marsiglia dopo una latitanza di oltre dieci anni) è stata bloccata la corrispondenza con l'esterno, in quanto alcune frasi contenute nelle missive, sarebbero di «dubbia interpretazione». Nei fogli scritti a mano, appare evidente, come al boss non va giù il regime carcerario. Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha bloccato le missive, indirizzate a due associazioni, ad un noto settimanale nazionale e a un sacerdote. Il trattenimento della corrispondenza, poi è stato disposto dal Gip di Caltanissetta, osservando che «dal contenuto concreto delle missive stesse ci sono elementi di pericolo per l'ordine e la sicurezza pubblica».

Il Tribunale ha sottolineato come con la missiva indirizzata ai «carissimi amici» di un'associazione, Falsone avesse il fine esplicito di evitare il blocco delle comunicazioni. In un'altra missiva era allegato un volantino di una Onlus, sulla situazione dei detenuti e il consiglio «a mettere in atto uno sciopero della fame». Quanto alla lettera a un settimanale, il capomafia descrive il regime di cui all'art.41 bis «ed osserva come egli si trovi in compagnia di soli meridionali». Con riguardo al plico a un sacerdote, il boss dà una immagine distorta dell'istituto penitenziario. Le lettere sono state trattenute - scrive il Gip - «considerata la pericolosità sociale dell'ex capo di Cosa Nostra agrigentina, e impedire evidenti elusioni del predetto regime carcerario, oltre che la commissione di reati attraverso mirati contatti con l'esterno».

lasicilia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia