Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Dap, Mancuso in pole per la successione di Ionta

Notizia del 05/01/2012 - ROMA

Dap, Mancuso in pole per la successione di Ionta

letto 2759 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

È partita la corsa per conquistare la carica di numero uno del Dap, il dipartimento per l'amministrazione penitenziaria: al vertice siede un magistrato di lungo corso come Franco Ionta, il cui mandato scade il prossimo 14 febbraio.

La lista dei pretendenti annovera numerosi big della classe giudiziaria, ma a quanto si apprende da palazzo Chigi c'è un unico candidato in grado di conquistare quella poltrona: Paolo Mancuso. Sarebbe un ritorno, per lui, dato che già conosce le stanze di largo Luigi Daga, dove viene guidato il sistema carcerario, per aver diretto il Dap quando il ministro della giustizia era Oliviero Diliberto.

E, a quanto viene riferito sempre dagli uffici della presidenza del consiglio, Mancuso godrebbe dell'appoggio del Quirinale. Quando il sogno dei detenuti, invece, sarebbe quello di vedere alla guida del Dap il leader radicale Marco Pannella, l'unico politico che in tutta la sua vita ha lottato per migliorare la condizione carceraria. Se Ionta prima di assumere l'incarico di capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e del Corpo di polizia penitenziaria, è stato procuratore aggiunto della Repubblica Paolo Mancuso presso il tribunale di Roma, ha fatto parte della Direzione distrettuale antimafia, diventando poi coordinatore di un pool di magistrati impegnato nella lotta al terrorismo nazionale e internazionale, Paolo Mancuso è noto oltre che per la sua carriera pure per essere il fratello di Libero, magistrato (in pensione) che alle primarie napoletane correva in nome della Sel di Nichi Vendola.
 
Nel Dap nessuno vuole rilasciare ufficialmente commenti sul nome di Mancuso, ma appena viene indicato come il possibile successore di Tonta è difficile trovare qualcuno con la voglia di fare salti di gioia. I problemi che da anni si trascinavano nel sistema penitenziario erano stati affrontati dall'attuale vertice, ma l'emergenza carceraria sembra non permettere di guardare al futuro con ottimismo: troppe le falle all'interno di un meccanismo che avrebbe bisogno innanzitutto di nuovi fondi, e che invece se li è visti scippare dal ministero dell'Interno.
 
Per non parlare delle polemiche riguardanti i braccialetti elettronici (a proposito, da ambienti vicini al premier in via ufficiosa viene riferito che la convenzione con la Telecom, contestatissima in passato anche dall'attuale vicepresidente del Csm Michele Vietti, «è stata confermata per un altro settennato, fino al 2018»), che sono destinate a non finire mai.
 
Pierre De Nolac: Italia Oggi
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

3 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)