Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
De Gesu, Provveditore Sardegna: nessun pericolo di infiltrazione mafiosa nell'isola

Polizia Penitenziaria - De Gesu, Provveditore Sardegna: nessun pericolo di infiltrazione mafiosa nell'isola


Notizia del 16/10/2012 - CAGLIARI
Letto (2277 volte)
 Stampa questo articolo


 "Nessun detenuto sottoposto al regime 41 bis verra' trasferito nelle nuove carceri di Tempio e Oristano che non hanno le strutture adeguate". Lo ha detto il provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria Gianfranco De Gesu il quale, pero', non ha escluso che questo tipo di detenuti possano arrivare nei nuovi istituti di Sassari e Uta (Cagliari). "A Tempio e Oristano", ha aggiunto, "vi sono anche strutture per l'alta sicurezza ma gran parte degli istituti saranno destinati a detenuti comuni". 

De Gesu, parlando a margine della presentazione dell'intesa tra Anci e Dap per il reinserimento dei carcerati, ha detto di "non capire la preoccupazione dell'opinione pubblica locale per l'arrivo di detenuti mafiosi o camorristi". Secondo il provveditore, che ha lavorato dieci anni in Calabria e ha diretto per cinque il carcere di Palermo, nell'isola non "non vi e' alcuna possibilita' di infiltrazioni mafiose " in quanto "il terreno non e' favorevole". De Gesu si e' detto convinto che "se c'e' un posto dove detenuti mafiosi e camorristi non possono creare problemi e' proprio la Sardegna".

Facendo una panoramica sulla situazione delle carceri isolane, De Gesu ha messo in evidenza come negli istituti sardi vi sia una capienza di 2.200 posti che diventeranno circa 3.000 con le nuove strutture. Dei 1.100 sardi detenuti, 900 sono nei penitenziari dell'isola che ha quindi "un sistema largamente sovrabbondante rispetto alle esigenze del territorio". Rispondendo alle domande dei giornalisti sull'aperture degli altri due nuovi istituti, il provveditore si e' detto fiducioso per la consegna di quello di Sassari entro l'anno mentre per Uta "ci vorrebbe uno sprint che non se saranno in grado di realizzare".

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta