Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
De Gesu, Provveditore Sardegna: nessun pericolo di infiltrazione mafiosa nell'isola

Polizia Penitenziaria - De Gesu, Provveditore Sardegna: nessun pericolo di infiltrazione mafiosa nell'isola


Notizia del 16/10/2012 - CAGLIARI
Letto (2296 volte)
 Stampa questo articolo


 "Nessun detenuto sottoposto al regime 41 bis verra' trasferito nelle nuove carceri di Tempio e Oristano che non hanno le strutture adeguate". Lo ha detto il provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria Gianfranco De Gesu il quale, pero', non ha escluso che questo tipo di detenuti possano arrivare nei nuovi istituti di Sassari e Uta (Cagliari). "A Tempio e Oristano", ha aggiunto, "vi sono anche strutture per l'alta sicurezza ma gran parte degli istituti saranno destinati a detenuti comuni". 

De Gesu, parlando a margine della presentazione dell'intesa tra Anci e Dap per il reinserimento dei carcerati, ha detto di "non capire la preoccupazione dell'opinione pubblica locale per l'arrivo di detenuti mafiosi o camorristi". Secondo il provveditore, che ha lavorato dieci anni in Calabria e ha diretto per cinque il carcere di Palermo, nell'isola non "non vi e' alcuna possibilita' di infiltrazioni mafiose " in quanto "il terreno non e' favorevole". De Gesu si e' detto convinto che "se c'e' un posto dove detenuti mafiosi e camorristi non possono creare problemi e' proprio la Sardegna".

Facendo una panoramica sulla situazione delle carceri isolane, De Gesu ha messo in evidenza come negli istituti sardi vi sia una capienza di 2.200 posti che diventeranno circa 3.000 con le nuove strutture. Dei 1.100 sardi detenuti, 900 sono nei penitenziari dell'isola che ha quindi "un sistema largamente sovrabbondante rispetto alle esigenze del territorio". Rispondendo alle domande dei giornalisti sull'aperture degli altri due nuovi istituti, il provveditore si e' detto fiducioso per la consegna di quello di Sassari entro l'anno mentre per Uta "ci vorrebbe uno sprint che non se saranno in grado di realizzare".

AGI

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

4 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 In sezione comme a la guerre

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook