Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Deceduto dopo un mese di coma il ragazzo che si era sparato con la pistola del padre, Ispettore di Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Deceduto dopo un mese di coma il ragazzo che si era sparato con la pistola del padre, Ispettore di Polizia Penitenziaria


Notizia del 02/03/2015 - NAPOLI
Letto (2671 volte)
 Stampa questo articolo


“Ti penserò cosi. Ti dico ciao. Ma so che è un addio. C’è molto di te. Che sento ancor mio. Se c’è un paradiso. Adesso sei lì”. Sulle note di ‘Ti dico ciao’ di Laura Pausini, un testo che bene si attagliava al momento, una folla composta, fatta soprattutto di ragazzi, di giovanissimi, ha salutato, accompagnandolo nella sua ultima passeggiata per San Marcellino, il quattordicenne Antonio Lanzone, morto nella serata di venerdì, dopo un mese trascorso in un letto del reparto di rianimazione dell’ospedale Santobono di Napoli. Dolore palpabile quello dei giovani, dei genitori, delle due sorelle, di una moltitudine di giovani e dello stesso parroco che ben conosceva Antonio che svolgeva anche attività di volontariato nella locale parrocchia.

Tanta, tantissima, insomma, la partecipazione soprattutto di giovani con un colore a farla da padrone il bianco. Bianca la bara, bianco il carro funebre, bianchi i palloni che sono stati fatti volare in cielo, bianchi i tanti fiori che hanno accompagnato il piccolo Antonio nel suo ultimo viaggio.

“Sono cose non dovrebbero mai accadere. Una giovane vita che se ne va – ha dichiarato il primo cittadino di San Marcellino Pasquale Carbone nel commentare quanto avvenuto nella piccola comunità alle porte di Aversa – crea dolore in tutti. Siamo vicino alla famiglia della quale immaginiamo il dolore”.

Per quanto riguarda le indagini relative alla morte del giovane studente del liceo pedagogico Niccolò Jommelli di Aversa, gli agenti del commissariato di Aversa che, coordinati dal dirigente Paolo Iodice, hanno indagato nelle scorse settimane sull’assurdo episodio verificatosi in quell’abitazione di San Marcellino, hanno escluso che il padre possa essere inquisito per omessa custodia dell’arma di ordinanza utilizzata dal ragazzo per mettere a segno l’insano gesto.

Come si ricorderà, infatti, nel tardo pomeriggio di quella domenica 25 gennaio, Antonio si esplose un colpo di pistola alla testa utilizzando l’arma di servizio del padre, un ispettore di Polizia Penitenziaria. Il ragazzino, trasportato in un primo momento al Moscati di Aversa, fu, poi, trasferito, nel corso della notte successiva, presso il nosocomio napoletano a causa delle gravissime condizioni di salute.

pupia.tv

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

4 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

5 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

6 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

7 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

8 Condanna definitiva per due ex Poliziotti penitenziari: facevano pervenire lettere e cellulari ai detenuti camorristi

9 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB

10 Gratteri sulle indagini del Cara di Crotone: mi meraviglia che l''agente penitenziario arrestato sia solo ai domiciliari


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Dimissioni dei comandanti di GOM e NIC? … Cosa sta succedendo al DAP?

4 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

5 Il Dap prossimo venturo. Arriva un nuovo vice capo Dap, avvicendamento di tre Provveditori e movimenti per una cinquantina di dirigenti penitenziari con incarico superiore

6 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

7 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

8 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

9 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

10 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza