Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Decesso Sovrintendente di Polizia Penitenziaria: sentenza TAR riconosce tumore dipendente dal servizio

Polizia Penitenziaria - Decesso Sovrintendente di Polizia Penitenziaria: sentenza TAR riconosce tumore dipendente dal servizio


Notizia del 09/03/2013 - TORINO
Letto (3778 volte)
 Stampa questo articolo


Storica sentenza del TAR Piemonte riconosce dipendente da causa di servizio il decesso di un Sovrintendente di Polizia Penitenziaria colpito da tumore allo stomaco.

Lo stress dovuto alle condizioni di lavoro abbinate alle minacce subite dalle Brigate Rosse hanno causato il tumore allo stomaco che nel 2009 ha portato alla morte un sovrintendente capo di Polizia Penitenziaria. Una malattia che il Tar del Piemonte ha riconosciuto ''dipendente da cause di servizio''.

''Questa sentenza - spiega l'avvocato degli eredi dell'agente, Roberto Lamacchia - e' il primo passo. Adesso ripartira' la procedura per la valutazione delle implicazioni economiche come gli indennizzi o la pensione''. Sin dal 1982 il sovrintendente, in servizio a Torino, venne riconosciuto come portatore di una patologia (un'ulcera) ''connessa - scrive il Tar - con fattori ambientali da stress psicofisico in sede lavorativa''. Il suo nome, secondo quanto e' stato possibile ricostruire, all'epoca era comparso fra gli obiettivi delle Brigate Rosse.

Alla fine degli anni Settanta le formazioni terroristiche avevano mietuto vittime fra gli agenti di custodia: il carcere delle Vallette, a Torino, e' intitolato a Giuseppe Lorusso e Lorenzo Cutugno, uccisi rispettivamente nel 1979 e 1978. Il nome del sovrintendente, Sebastiano L.R., era comparso - secondo quanto si e' appreso - in una lista di nomi che, all'epoca, le Brigate Rosse intendevano colpire.

Nel corso dei mesi sviluppo' un'ulcera duodenale che rese necessario un intervento chirurgico, e l'amministrazione riconobbe che si tratto' di una malattia cronica riconducibile a causa di servizio. Anni dopo L.R. si ritrovo' affetto da un tumore allo stomaco, ma nel 2006 l'apposito Comitato di verifica stabili' che non c'era alcun collegamento con le condizioni di lavoro. Un giudizio che adesso e' stato ribaltato dal Tar. ''Quello dell'agente di Polizia Penitenziaria - commenta l'avvocato Lamacchia - e' un lavoro dei piu' usuranti. E la tensione di quel momento ha sicuramente contribuito ad aggravare la situazione''.

ANSA

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

2 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia

10 Decreto Legislativo n.81/2008: aspetti giuridici delle norme tecniche