Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Denise Pipitone.un agente di polizia penitenziaria mostrò un video girato a Milano.

Notizia del 02/09/2011 - TRAPANI

Denise Pipitone.un agente di polizia penitenziaria mostrò un video girato a Milano.

letto 3368 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Denise Pipitone spariva sette anni fa, all’età di quattro anni, il primo settembre del 2004 mentre giocava davanti casa a Mazara del Vallo. Quando la nonna l’ha chiamata, della bimba non c’era più traccia.

Da quel momento in poi un vorticoso susseguirsi di appelli, di interrogatori, di intercettazioni e di apparizioni in tv. Ma, a sette anni di distanza, la sparizione di Denise è ancora avvolta nel mistero.

La madre, Piera Maggio, non si è mai arresa ed ha continuato a cercarla. Inizialmente per trovare Denise vennero seguite diverse piste: quella rom, della vendetta familiare e dei i riti satanici.


Dopo qualche mese dalla scomparsa, un agente di polizia penitenziaria mostrò un video girato a Milano. In quel video veniva ripresa una bambina che lui era convinto fosse Denise.

Il video venne analizzato dai Ris dei carabinieri che affermarono che la bambina poteva essere davvero Denise soprattutto per il graffio sotto l’occhio sinistro. Ma la bimba ripresa nel video non venne mai trovata.

Attualmente per il rapimento è in corso un processo in cui sono imputati Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise, accusata di sequestro di persona e il suo ex fidanzato, Gaspare Ghaleb accusato solo di false dichiarazioni ai pm.

Nel maggio 2005 la sorellastra di Denise venne iscritta nel registro degli indagati. L’anno scorso il rinvio a giudizio per la ragazza e l’ex fidanzato, ma il processo è ancora in corso.

Ci sono però altri lati oscuri nella vicenda: il ruolo di Anna Corona, ex moglie del padre naturale di Denise, Piero Pulizzi e madre di Jessica e di Giuseppe D’Assaro, ex marito della donna, che avrebbe ammesso, durante il processo, che dopo il rapimento Denise fu portata al ristorante ‘Lo squalo’ di Mazara e poi a Palermo. A dirglielo fu proprio Anna Corona che aggiunse che Denise rimase al ristorante fino all’indomani.

Piera Maggio, la madre di Denise, continua la sua battaglia e ha lanciato sul suo sito cerchiamodenise.it una proposta ai genitori di tutta Europa di minori scomparsi o violati di costituire un comitato europeo che si occupi anche delle ricerca dei bambini.

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”